Chinese Doodles乱画中华
[Mandarin Graffiti]. Doodles about China.
Copyright © 2014 ChineseDoodles, All rights reserved.
September 9, 1976, “Death of Mao Zedong”
For a long time sick and paralyzed by three heart attacks, Mao Zedong died aged 82 on September 9th, 1976, ten minutes after midnight. The announcement of his death, delayed until 4 pm of the same day, spread across the entire nation on the radio.
The body, embalmed and wrapped in the flag of the Communist Party of China, was exhibited for a week in the Great Hall of the People, the building in Tian’anmen Square which host the meeting of the National People’s Congress of the Chinese government.
The eulogy, read by Hua Guofeng, was recited September 18, and the body, in spite of Mao’s wish to be cremated, was layed inside a crystal coffin in the Mausoleum of Mao Zedong, erected where once stood the Gate of China, South entrance of the Forbidden City.
Hero of the Communist Party of China in the Long March, founder of the People’s Republic of China and its “Great Helmsman” for over 20 years, Mao Zedong remains a central figure in the history of modern China, and his work is still the subject of controversy within Party, which, however, acknowledges that “his contributions to the Chinese revolution far outweigh his mistakes”.
Over the years, the face of Mao has become a pop icon of international fame, and its pervasive presence, once entrusted to the propaganda posters, has survived intact, coming to influence contemporary Chinese art.
***
9 Settembre 1976, “Morte di Mao Zedong”
Da lungo tempo malato e paralizzato da numerosi attacchi cardiaci, Mao Zedong moriva a 82 anni il 9 Settembre 1976, dieci minuti dopo la mezzanotte. L’annuncio della sua morte, diffuso a tutta la nazione via radio, fu dato solo alle 16 del giorno stesso.
Il corpo, imbalsamato e avvolto nella bandiera del Partito comunista cinese, fu esposto per una settimana nella Grande Sala del Popolo, l’edificio in Piazza Tian’anmen in cui si riuniscono i principali organi consultivi del governo cinese.
L’elogio funebre, letto da Hua Guofeng, fu declamato il 18 Settembre, e la salma, malgrado lo stesso Mao avesse espresso il desiderio di essere cremato, fu deposta all’interno di una teca di cristallo nel Mausoleo di Mao Zedong, eretto nel luogo dove un tempo sorgeva la Porta della Cina, ovvero l’entrata Sud della Città Proibita.
Eroe del Partito comunista cinese nella Lunga Marcia, fondatore della Repubblica popolare cinese e suo “Grande Timoniere” per oltre 20 anni, Mao Zedong resta una figura centrale nella storia della Cina moderna, e il suo operato è ancora oggi oggetto di controversie all’interno del Partito, il quale comunque riconosce che “i suoi contributi alla rivoluzione cinese sorpassano di gran lunga i suoi errori”.
Con gli anni, il volto di Mao è diventato un’icona pop di fama internazionale, e la sua pervasiva presenza, un tempo affidata ai manifesti di propaganda, è sopravvissuta intatta, arrivando ad influenzare l’arte contemporanea cinese.

September 9, 1976, “Death of Mao Zedong”

For a long time sick and paralyzed by three heart attacks, Mao Zedong died aged 82 on September 9th, 1976, ten minutes after midnight. The announcement of his death, delayed until 4 pm of the same day, spread across the entire nation on the radio.

The body, embalmed and wrapped in the flag of the Communist Party of China, was exhibited for a week in the Great Hall of the People, the building in Tian’anmen Square which host the meeting of the National People’s Congress of the Chinese government.

The eulogy, read by Hua Guofeng, was recited September 18, and the body, in spite of Mao’s wish to be cremated, was layed inside a crystal coffin in the Mausoleum of Mao Zedong, erected where once stood the Gate of China, South entrance of the Forbidden City.

Hero of the Communist Party of China in the Long March, founder of the People’s Republic of China and its “Great Helmsman” for over 20 years, Mao Zedong remains a central figure in the history of modern China, and his work is still the subject of controversy within Party, which, however, acknowledges that “his contributions to the Chinese revolution far outweigh his mistakes”.

Over the years, the face of Mao has become a pop icon of international fame, and its pervasive presence, once entrusted to the propaganda posters, has survived intact, coming to influence contemporary Chinese art.

***

9 Settembre 1976, “Morte di Mao Zedong”

Da lungo tempo malato e paralizzato da numerosi attacchi cardiaci, Mao Zedong moriva a 82 anni il 9 Settembre 1976, dieci minuti dopo la mezzanotte. L’annuncio della sua morte, diffuso a tutta la nazione via radio, fu dato solo alle 16 del giorno stesso.

Il corpo, imbalsamato e avvolto nella bandiera del Partito comunista cinese, fu esposto per una settimana nella Grande Sala del Popolo, l’edificio in Piazza Tian’anmen in cui si riuniscono i principali organi consultivi del governo cinese.

L’elogio funebre, letto da Hua Guofeng, fu declamato il 18 Settembre, e la salma, malgrado lo stesso Mao avesse espresso il desiderio di essere cremato, fu deposta all’interno di una teca di cristallo nel Mausoleo di Mao Zedong, eretto nel luogo dove un tempo sorgeva la Porta della Cina, ovvero l’entrata Sud della Città Proibita.

Eroe del Partito comunista cinese nella Lunga Marcia, fondatore della Repubblica popolare cinese e suo “Grande Timoniere” per oltre 20 anni, Mao Zedong resta una figura centrale nella storia della Cina moderna, e il suo operato è ancora oggi oggetto di controversie all’interno del Partito, il quale comunque riconosce che “i suoi contributi alla rivoluzione cinese sorpassano di gran lunga i suoi errori”.

Con gli anni, il volto di Mao è diventato un’icona pop di fama internazionale, e la sua pervasiva presenza, un tempo affidata ai manifesti di propaganda, è sopravvissuta intatta, arrivando ad influenzare l’arte contemporanea cinese.

September 4, 1951, “The PRC breaks off diplomatic relations with the Holy See”
On September 4, 1951, the Apostolic Nuncio Antonio Riberi, first nuncio of the Catholic Church in China, was expelled from his home in Nanjing, and forced to flee to Taiwan the year after.
Assigned to China as apostolic nuncio on July 6, 1946, Antonio Riberi stayed in Nanjing, the capital of the Republic of China ruled by the Kuomintang back then. Following the victory in the Civil War of the Communist Party of China in 1949 and the flight of the exiled Kuomintang in Taiwan, the Vatican City State, in the person of Riberi, refused to recognize the new government and the nuncio was therefore denied permission to move to Beijing, the capital of the newly founded People’s Republic of China.
In 1950, the Chinese Communist Party, who wanted to establish an “Independent Catholic Church” in China, launched the so-called Three-Self Movement, which stated the self-support, self-governance and self-propagation of the Chinese church. The following year, after a letter to the faithful in which Riberi judged the attitude of the Independent Church as “schismatic”, the campaign against the Catholic Church escalated and, on June 26, 1951, the papal nuncio was placed under house arrest in his residence of Nanjing, only to be confined to Hong Kong on September 4, 1951.
Only in 1952, after waiting in vain for signs of easing from Beijing, Riberi resigned to move to Taipei, archdiocese since 1950, where he was regarded with suspicion for his numerous attempts to contact the Beijing government.
Formally discontinued in 1951, the year in which the Vatican recognized the government of Taiwan, diplomatic relationships between the Holy See and the Republic of China, excluding those with the so-called “underground church” of Catholics remained loyal to the Pope, must still be restored.
On 25 October 1971, when the UN decided to recognize the People’s Republic of China as the “sole legitimate representative of China” at the United Nations, therefore undermining the government of Taiwan, the Holy See recalled its apostolic nuncio from the Taipei mission, which since then, while keeping the status of embassy, is run by a chargé d’affaires.
It remains a crucial issue the appointment of Catholic bishops, since the People’s Republic of China, legitimated by the Chinese Patriotic Catholic Association founded in 1957, continues to appoint its own bishops without the agreement of the Pope.
Although Pope Francis, during his recent trip to South Korea, has shown a growing interest of the Holy See for the Asian communities, the creation of formal ties with the PRC has yet to come.
It is interesting to remember, however, that another Jesuit, the eclectic Matteo Ricci, was the first Westerner to which the Emperor granted permission to serve inside the Forbidden City in 1601. He founded the Cathedral of the Immaculate Conception, the oldest Catholic church in Beijing, and compiled the first european bilingual dictionaries for the study of the Chinese language.
***
4 Settembre 1951, “La RPC interrompe le relazioni diplomatiche con la Santa Sede”
Il 4 Settembre 1951 il nunzio apostolico Antonio Riberi, primo nunzio della Chiesa Cattolica in Cina, fu espulso dalla sua residenza di Nanchino, e l’anno dopo fu costretto a riparare a Taiwan.
Assegnato alla Cina come nunzio apostolico il 6 Luglio 1946, Antonio Riberi giunge a Nanchino, allora capitale della Repubblica di Cina governata dal Guomindang. In seguito alla vittoria nella Guerra Civile del Partito comunista cinese nel 1949 e alla fuga degli esuli del Guomindang a Taiwan, lo Stato della Città del Vaticano, nella persona di Riberi, rifiutò di riconoscere il nuovo governo e al nunzio fu perciò negato il permesso di trasferirsi a Pechino, nuova capitale della Repubblica popolare cinese.
Nel 1950 il Partito comunista cinese, intenzionato a fondare una “Chiesa Cattolica Indipendente” in Cina, lanciò il cosiddetto Movimento delle Tre Autonomie, il quale auspicava che i fedeli cinesi potessero avere un governo autonomo, con un proprio sistema di propaganda e di finanziamento. L’anno successivo, dopo una lettera ai fedeli in cui Riberi giudicava l’atteggiamento della Chiesa Indipendente come “scismatico”, la campagna contro la Chiesa Cattolica si inasprì e, il 26 Giugno 1951, il nunzio apostolico fu posto agli arresti domiciliari nella sua residenza di Nanchino, per essere poi confinato a Hong Kong il 4 Settembre 1951.
Solo nel 1952, dopo aver atteso invano segnali di distensione da Pechino, Riberi si rassegnò a trasferirsi a Taipei, arcidiocesi dal 1950, dove venne guardato con sospetto per i suoi numerosi tentativi di contattare il governo di Pechino.
Formalmente interrotti dal 1951, anno in cui il Vaticano riconobbe il governo di Taiwan, i contatti diplomatici tra la Santa Sede e la Repubblica popolare cinese, se si escludono quelli con la cosiddetta “chiesa sotterranea” dei cattolici rimasti fedeli al Papa, devono tuttora essere ripristinati.
Il 25 Ottobre 1971, quando l’ONU decise di riconoscere la Repubblica popolare cinese come “unica legittima rappresentante della Cina” alle Nazioni Unite, scalzando perciò il governo di Taiwan, la Santa Sede richiamò il suo nunzio apostolico dalla missione di Taipei, che da allora, pur mantenendo lo status di ambasciata, è gestita da un incaricato d’affari (chargé d’affaires).
Resta assai spinosa la questione della nomina dei vescovi, che la Repubblica popolare cinese, attraverso l’Associazione Patriottica Cattolica cinese fondata nel 1957, elegge indipendentemente dall’assenso del Papa.
Sebbene l’attuale pontefice Francesco I, durante il suo recente viaggio in Corea del Sud, abbia dimostrato un interesse crescente della Santa Sede per le comunità asiatiche, la riapertura ufficiale delle relazioni diplomatiche sembra al di là da venire.
Interessante è però ricordare che un altro gesuita, l’eclettico Matteo Ricci, fu il primo occidentale a cui fu accordato, nel 1601, il permesso di servire all’interno della Città Proibita. Fu proprio lui a fondare la Cattedrale dell’Immacolata Concezione, la più antica chiesa cattolica di Pechino, e a compilare i primi dizionari bilingue per lo studio della lingua cinese in Occidente.

September 4, 1951, “The PRC breaks off diplomatic relations with the Holy See”

On September 4, 1951, the Apostolic Nuncio Antonio Riberi, first nuncio of the Catholic Church in China, was expelled from his home in Nanjing, and forced to flee to Taiwan the year after.

Assigned to China as apostolic nuncio on July 6, 1946, Antonio Riberi stayed in Nanjing, the capital of the Republic of China ruled by the Kuomintang back then. Following the victory in the Civil War of the Communist Party of China in 1949 and the flight of the exiled Kuomintang in Taiwan, the Vatican City State, in the person of Riberi, refused to recognize the new government and the nuncio was therefore denied permission to move to Beijing, the capital of the newly founded People’s Republic of China.

In 1950, the Chinese Communist Party, who wanted to establish an “Independent Catholic Church” in China, launched the so-called Three-Self Movement, which stated the self-support, self-governance and self-propagation of the Chinese church. The following year, after a letter to the faithful in which Riberi judged the attitude of the Independent Church as “schismatic”, the campaign against the Catholic Church escalated and, on June 26, 1951, the papal nuncio was placed under house arrest in his residence of Nanjing, only to be confined to Hong Kong on September 4, 1951.

Only in 1952, after waiting in vain for signs of easing from Beijing, Riberi resigned to move to Taipei, archdiocese since 1950, where he was regarded with suspicion for his numerous attempts to contact the Beijing government.

Formally discontinued in 1951, the year in which the Vatican recognized the government of Taiwan, diplomatic relationships between the Holy See and the Republic of China, excluding those with the so-called “underground church” of Catholics remained loyal to the Pope, must still be restored.

On 25 October 1971, when the UN decided to recognize the People’s Republic of China as the “sole legitimate representative of China” at the United Nations, therefore undermining the government of Taiwan, the Holy See recalled its apostolic nuncio from the Taipei mission, which since then, while keeping the status of embassy, is run by a chargé d’affaires.

It remains a crucial issue the appointment of Catholic bishops, since the People’s Republic of China, legitimated by the Chinese Patriotic Catholic Association founded in 1957, continues to appoint its own bishops without the agreement of the Pope.

Although Pope Francis, during his recent trip to South Korea, has shown a growing interest of the Holy See for the Asian communities, the creation of formal ties with the PRC has yet to come.

It is interesting to remember, however, that another Jesuit, the eclectic Matteo Ricci, was the first Westerner to which the Emperor granted permission to serve inside the Forbidden City in 1601. He founded the Cathedral of the Immaculate Conception, the oldest Catholic church in Beijing, and compiled the first european bilingual dictionaries for the study of the Chinese language.

***

4 Settembre 1951, “La RPC interrompe le relazioni diplomatiche con la Santa Sede”

Il 4 Settembre 1951 il nunzio apostolico Antonio Riberi, primo nunzio della Chiesa Cattolica in Cina, fu espulso dalla sua residenza di Nanchino, e l’anno dopo fu costretto a riparare a Taiwan.

Assegnato alla Cina come nunzio apostolico il 6 Luglio 1946, Antonio Riberi giunge a Nanchino, allora capitale della Repubblica di Cina governata dal Guomindang. In seguito alla vittoria nella Guerra Civile del Partito comunista cinese nel 1949 e alla fuga degli esuli del Guomindang a Taiwan, lo Stato della Città del Vaticano, nella persona di Riberi, rifiutò di riconoscere il nuovo governo e al nunzio fu perciò negato il permesso di trasferirsi a Pechino, nuova capitale della Repubblica popolare cinese.

Nel 1950 il Partito comunista cinese, intenzionato a fondare una “Chiesa Cattolica Indipendente” in Cina, lanciò il cosiddetto Movimento delle Tre Autonomie, il quale auspicava che i fedeli cinesi potessero avere un governo autonomo, con un proprio sistema di propaganda e di finanziamento. L’anno successivo, dopo una lettera ai fedeli in cui Riberi giudicava l’atteggiamento della Chiesa Indipendente come “scismatico”, la campagna contro la Chiesa Cattolica si inasprì e, il 26 Giugno 1951, il nunzio apostolico fu posto agli arresti domiciliari nella sua residenza di Nanchino, per essere poi confinato a Hong Kong il 4 Settembre 1951.

Solo nel 1952, dopo aver atteso invano segnali di distensione da Pechino, Riberi si rassegnò a trasferirsi a Taipei, arcidiocesi dal 1950, dove venne guardato con sospetto per i suoi numerosi tentativi di contattare il governo di Pechino.

Formalmente interrotti dal 1951, anno in cui il Vaticano riconobbe il governo di Taiwan, i contatti diplomatici tra la Santa Sede e la Repubblica popolare cinese, se si escludono quelli con la cosiddetta “chiesa sotterranea” dei cattolici rimasti fedeli al Papa, devono tuttora essere ripristinati.

Il 25 Ottobre 1971, quando l’ONU decise di riconoscere la Repubblica popolare cinese come “unica legittima rappresentante della Cina” alle Nazioni Unite, scalzando perciò il governo di Taiwan, la Santa Sede richiamò il suo nunzio apostolico dalla missione di Taipei, che da allora, pur mantenendo lo status di ambasciata, è gestita da un incaricato d’affari (chargé d’affaires).

Resta assai spinosa la questione della nomina dei vescovi, che la Repubblica popolare cinese, attraverso l’Associazione Patriottica Cattolica cinese fondata nel 1957, elegge indipendentemente dall’assenso del Papa.

Sebbene l’attuale pontefice Francesco I, durante il suo recente viaggio in Corea del Sud, abbia dimostrato un interesse crescente della Santa Sede per le comunità asiatiche, la riapertura ufficiale delle relazioni diplomatiche sembra al di là da venire.

Interessante è però ricordare che un altro gesuita, l’eclettico Matteo Ricci, fu il primo occidentale a cui fu accordato, nel 1601, il permesso di servire all’interno della Città Proibita. Fu proprio lui a fondare la Cattedrale dell’Immacolata Concezione, la più antica chiesa cattolica di Pechino, e a compilare i primi dizionari bilingue per lo studio della lingua cinese in Occidente.

August 27, 2003, “First Six-Party Talks”
The Six-Party Talks, which 1st round was held on August 27, 2003, are a meeting assembly whose purpose is to find a peaceful resolution to disputes concerning the nuclear weapons program of North Korea.
The meetings started in 2003, after North Korea decided to withdraw from the Nuclear Non-Proliferation Treaty (NPT). They got little or no results until the 5th round, during which North Korea agreed to progressively disable its nuclear facilities in exchange of fuel aid and normalization of diplomatic relationship with the United States.
Representatives of North Korea (Democratic People’s Republic of Korea), South Korea (Republic of Korea), the United States, China, Japan and Russia have so far participated in 6 meetings from August 2003 to April 2009, the year in which the North Korea space program, committed to launch the satellite Kwangmyongsong-2, was accused by the United States of violating international security, and then convicted by a UN Declaration on April 13, 2009.
Although the launch of the satellite had ended in failure, and China and Russia have called for calm, the accusations made by President Obama, that “violations must be punished”, urged North Korea to withdraw from the Six-Party Talks, to expel IAEA inspectors (International Agency for Atomic Energy) and to resume its uranium enrichment program.
Although China has historically been the most important ally of North Korea, with which it entertains dense trade, diplomatic relationship between the two countries had occasionally come to a halt. The first nuclear test carried out successfully in North Korea, the detonation of an underground nuclear device on May 25, 2009, was condemned by NATO and the other members of the Six-Party Talks, including China. Even the decision taken by China not to support the sanctions imposed on North Korea was revised in February 2013, after the announcement of another underground nuclear test in December of the previous year.
Since the War of the 38th Parallel in 1950, China sees in North Korea a crucial ally in the patrolling of the northeast border, which separates China from numerous American troops stationed in South Korea, allowing it to concentrate its military forces elsewhere .
Although China has often rejected the accusations of human rights violations directed at the regime of Kim Jong-un, it is undeniable that the North Korean leader is an inconvenient character not only because of the complexity of relationship with its establishment, but also because of his public image, often mocked on the internet.
***
27 Agosto 2003, “Primi Six-Party Talks con la Corea del Nord”
I Six-Party Talks, il cui primo tavolo fu aperto il 27 Agosto del 2003, sono un’assemblea il cui scopo è quello di trovare una risoluzione pacifica alle controversie dettate dal programma di armamento nucleare della Corea del Nord.
Le assemblee, indette nel 2003 in seguito alla decisione della Corea del Nord di abbandonare il Trattato di Non Proliferazione Nucleare (TNP), ottennero risultati scarsi o nulli fino al 5° incontro, durante il quale la Corea del Nord accettò di disattivare progressivamente i suoi reattori nucleari in cambio di scambi energetici (fuel aid) e della normalizzazione delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti.
Rappresentanti di Corea del Nord (Repubblica Popolare Democratica di Corea), Corea del Sud (Repubblica di Corea), Stati Uniti, Cina, Giappone e Russia hanno finora partecipato a 6 incontri dall’Agosto 2003 all’Aprile 2009, anno in cui il programma spaziale della Corea del Nord, impegnata a lanciare il satellite Kwangmyŏngsŏng-2, fu accusato dagli Stati Uniti di violare la sicurezza internazionale, e poi condannato da una Dichiarazione ONU il 13 Aprile 2009.
Sebbene il lancio del satellite si fosse concluso con un fallimento e Cina e Russia avessero invitato alla calma, le accuse mosse dal presidente Obama, secondo cui “le violazioni devono essere punite”, spinsero la Corea del Nord a ritirarsi dai Six-Party Talks, ad espellere gli ispettori dell’IAEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) e a riprendere il suo programma di arricchimento dell’uranio.
Sebbene la Cina sia stata storicamente il più importante alleato della Corea del Nord, con la quale intrattiene fitti scambi commerciali, le relazioni diplomatiche tra i due Paesi proseguono a fasi alterne. Il primo test nucleare portato a termine con successo nella Corea del Nord, la detonazione di un ordigno nucleare nel sottosuolo il 25 Maggio del 2009, fu condannato duramente dalla NATO e dagli altri membri dei Six-Party Talks, Cina compresa. Anche la decisione presa dalla Cina di non sostenere le sanzioni imposte alla Corea del Nord è stata rivista nel Febbraio del 2013, dopo l’annuncio di un altro test nucleare nel Dicembre dell’anno precedente.
Sin dalla Guerra del 38° Parallelo del 1950, la Cina vede nella Corea del Nord un cruciale alleato nel pattugliamento del confine a nordest, che separa la Cina dalle numerose truppe statunitensi di stanza in Corea del Sud, permettendole di concentrare il proprio apparato militare altrove.
Anche se la Cina ha spesso rigettato le accuse di violazione dei diritti umani indirizzate al regime di Kim Jong-un, è innegabile che il leader nordcoreano sia un personaggio ingombrante non solo a causa delle complessità nelle relazioni diplomatiche con il suo establishment, ma anche della sua immagine pubblica, frequentemente oggetto di scherno su internet.

August 27, 2003, “First Six-Party Talks”

The Six-Party Talks, which 1st round was held on August 27, 2003, are a meeting assembly whose purpose is to find a peaceful resolution to disputes concerning the nuclear weapons program of North Korea.

The meetings started in 2003, after North Korea decided to withdraw from the Nuclear Non-Proliferation Treaty (NPT). They got little or no results until the 5th round, during which North Korea agreed to progressively disable its nuclear facilities in exchange of fuel aid and normalization of diplomatic relationship with the United States.

Representatives of North Korea (Democratic People’s Republic of Korea), South Korea (Republic of Korea), the United States, China, Japan and Russia have so far participated in 6 meetings from August 2003 to April 2009, the year in which the North Korea space program, committed to launch the satellite Kwangmyongsong-2, was accused by the United States of violating international security, and then convicted by a UN Declaration on April 13, 2009.

Although the launch of the satellite had ended in failure, and China and Russia have called for calm, the accusations made by President Obama, that “violations must be punished”, urged North Korea to withdraw from the Six-Party Talks, to expel IAEA inspectors (International Agency for Atomic Energy) and to resume its uranium enrichment program.

Although China has historically been the most important ally of North Korea, with which it entertains dense trade, diplomatic relationship between the two countries had occasionally come to a halt. The first nuclear test carried out successfully in North Korea, the detonation of an underground nuclear device on May 25, 2009, was condemned by NATO and the other members of the Six-Party Talks, including China. Even the decision taken by China not to support the sanctions imposed on North Korea was revised in February 2013, after the announcement of another underground nuclear test in December of the previous year.

Since the War of the 38th Parallel in 1950, China sees in North Korea a crucial ally in the patrolling of the northeast border, which separates China from numerous American troops stationed in South Korea, allowing it to concentrate its military forces elsewhere .

Although China has often rejected the accusations of human rights violations directed at the regime of Kim Jong-un, it is undeniable that the North Korean leader is an inconvenient character not only because of the complexity of relationship with its establishment, but also because of his public image, often mocked on the internet.

***

27 Agosto 2003, “Primi Six-Party Talks con la Corea del Nord”

I Six-Party Talks, il cui primo tavolo fu aperto il 27 Agosto del 2003, sono un’assemblea il cui scopo è quello di trovare una risoluzione pacifica alle controversie dettate dal programma di armamento nucleare della Corea del Nord.

Le assemblee, indette nel 2003 in seguito alla decisione della Corea del Nord di abbandonare il Trattato di Non Proliferazione Nucleare (TNP), ottennero risultati scarsi o nulli fino al 5° incontro, durante il quale la Corea del Nord accettò di disattivare progressivamente i suoi reattori nucleari in cambio di scambi energetici (fuel aid) e della normalizzazione delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti.

Rappresentanti di Corea del Nord (Repubblica Popolare Democratica di Corea), Corea del Sud (Repubblica di Corea), Stati Uniti, Cina, Giappone e Russia hanno finora partecipato a 6 incontri dall’Agosto 2003 all’Aprile 2009, anno in cui il programma spaziale della Corea del Nord, impegnata a lanciare il satellite Kwangmyŏngsŏng-2, fu accusato dagli Stati Uniti di violare la sicurezza internazionale, e poi condannato da una Dichiarazione ONU il 13 Aprile 2009.

Sebbene il lancio del satellite si fosse concluso con un fallimento e Cina e Russia avessero invitato alla calma, le accuse mosse dal presidente Obama, secondo cui “le violazioni devono essere punite”, spinsero la Corea del Nord a ritirarsi dai Six-Party Talks, ad espellere gli ispettori dell’IAEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) e a riprendere il suo programma di arricchimento dell’uranio.

Sebbene la Cina sia stata storicamente il più importante alleato della Corea del Nord, con la quale intrattiene fitti scambi commerciali, le relazioni diplomatiche tra i due Paesi proseguono a fasi alterne. Il primo test nucleare portato a termine con successo nella Corea del Nord, la detonazione di un ordigno nucleare nel sottosuolo il 25 Maggio del 2009, fu condannato duramente dalla NATO e dagli altri membri dei Six-Party Talks, Cina compresa. Anche la decisione presa dalla Cina di non sostenere le sanzioni imposte alla Corea del Nord è stata rivista nel Febbraio del 2013, dopo l’annuncio di un altro test nucleare nel Dicembre dell’anno precedente.

Sin dalla Guerra del 38° Parallelo del 1950, la Cina vede nella Corea del Nord un cruciale alleato nel pattugliamento del confine a nordest, che separa la Cina dalle numerose truppe statunitensi di stanza in Corea del Sud, permettendole di concentrare il proprio apparato militare altrove.

Anche se la Cina ha spesso rigettato le accuse di violazione dei diritti umani indirizzate al regime di Kim Jong-un, è innegabile che il leader nordcoreano sia un personaggio ingombrante non solo a causa delle complessità nelle relazioni diplomatiche con il suo establishment, ma anche della sua immagine pubblica, frequentemente oggetto di scherno su internet.

August 23, 1958, “Second Taiwan Strait Crisis”
On 23 August 1958, the People’s Liberation Army began a heavy bombardment of the archipelago of Quemoy islands (Jinmen in Chinese), territories under the control of the Republic of China, commonly known as Taiwan. The attack marked the beginning of the Second Taiwan Strait Crisis, an area still affected by a delicate diplomatic issue.
Following the victory in the Civil War and the founding of the Communist Party of the People’s Republic of China in October 1949, the exiled Kuomintang, led by General Chiang Kai-shek, retreated to the island of Taiwan, proclaiming it Republic of China in December 1949 and claiming to be the sole legitimate government of China.
Although the U.S. had already recognized the government of Taiwan as the only one entitled to rule over all of China, following the outbreak of the Korean War on June 25, 1950, President Harry Truman declared that the “neutralization of the Straits of Formosa” was a question of primary interest to the United States, deciding to deploy the VII Fleet of the Navy to protect the island of Taiwan and to prevent any conflict between the People’s Republic of China and the Republic of China.
The fleet was withdrawn on February 2, 1953 by order of President Eisenhower, but in August 1954 the armies of Taiwan hastened to militarize the islands of Quemoy and Matsu. The premier of the People’s Republic of China Zhou Enlai, on August 11, 1954, sent the People’s Liberation Army and started the bombing of the two islands.
The First Taiwan Strait Crisis, an episode that revived the fear of the Communist expansion in Asia, convinced the USA to discuss with the Republic of China the “Mutual Defense Treaty”, signed on December 2, 1954, and ratified in March of the same year. The treaty did not include an American intervention in the event of an attack of the islands Quemoy and Matsu, but only in Taiwan and the Penghu Islands (Pescadores).
On January 25, 1955 the “Formosa Resolution” was approved, authorizing the President Eisenhower to intervene militarily in defense of the territories of the Republic of China. The People’s Republic of China ceased bombing in April 1955.
The Second Crisis, an attack in territories not covered by the Treaty of 1954, saw the joint intervention of the USA, this time committed to providing weapons to the Republic of China, and Russia, which sent foreign minister Andrei Gromyko in Beijing, who invited Mao Zedong to desist from the attack. On September 22, 1958, after an initial deadlock caused by the evident superiority of aircraft supplied by the United States to Taiwan, the Republic of China desisted from the attack, until they ceased bombing altogether.
The prolonged ceasefire and the delicate maintaining the “status quo ante bellum” were the subject of intricate international relationship, which began to normalize only with the visit of President Richard Nixon in the People’s Republic of China in 1972.
The spread of the “Shanghai Communiqué”, who claimed the clear intention of the USA to continue towards a normalization of diplomatic and trade relations, was joined by the acceptance from the USA of the idea that all the inhabitants on both sides of the Taiwan Strait believed in the existence of “one China”. However, the conditions imposed by the People’s Republic of China to the normalization of relations included the interruption of diplomatic relationship between the United States and Taiwan, the recognition of the illegality of the “1954 Treaty” and the withdrawal of American forces from the Taiwan Strait.
On January 1, 1979, with the Second Joint Communiqué the President “Jimmy” Carter, who received the visit of Deng Xiaoping, the USA officially recognized the Government of the People’s Republic of China and accepted the three demands, thus stopping any diplomatic contact with the “governmental authorities of Taiwan”.
On August 17, 1982, as a result of the aggressive policy of the Reagan administration, determined to replenish Taiwan’s armaments, a “Third Joint Communiqué” between the People’s Republic of China and the USA became necessary. Though it only guaranteed to reduce the amount of armaments sales, the agreement reaffirmed the commitment of both countries to comply with the terms described in the “Taiwan Relations Act” and to seek a peaceful solution to the issue.
In November 1992, during a meeting of the Association for Relations across the Taiwan Strait (ARATS, with base in the People’s Republic of China) and the Straits Exchange Foundation (SEF, Taiwan), organizations spoke out about the meaning of the expression “one-China”, announcing that both sides agreed they were certain of its existence, but differed on its meaning. In any case, Taiwan remained part of China, as well as the People’s Republic of China. Such acquiescence, even if limited to a commercial standpoint, was crucial in the evolution of international relationship and it became known as the “1992 Consensus”.
The announced visit of Taiwanese President Lee Teng-hui to Cornell University in Ithaca (NY), and the initial decision of the United States not to provide a visa to the Taiwanese leader, in order not to break the agreements with People’s Republic of China, provoked a strong reaction of the pro-Taiwan fringes in the Congress of the United States, which in a second vote pronounced itself in favor of the visit and the granting of a visa.
On July 21, 1995, under the Clinton administration, the People’s Republic of China resumed its program of missile tests, hitting an area near the island of Pengjia and thereby triggering the Third Taiwan Strait Crisis. Given that the issue was going to threaten the American elections as well as those in Taiwan, where Lee Teng-hui was running for president, the Clinton administration decided to mobilize the Independence fleet, stationed in Japan, in March 1996, forcing the armies to a cease-fire.
On March 14, 2005, under the presidency of Hu Jintao, the People’s Republic of China approved the “Anti-Secession Law”, which indicates in the “One-China Policy” the basis for the resolution of this dispute and declares, officially, the possibility of using non-peaceful means of deterrence in the event of a declaration of independence of Taiwan.
Despite the tension often resulted in conflict, the diplomatic and trade relationship are intense and fruitful since 2008, when Hu Jintao agreed with Ma Ying-jeou, Kuomintang candidate and current president of Taiwan, that the “1992 Consensus” was the basis for future relations.
A series of meetings between the ARATS and the SEF in 2008 also allowed the opening of a number of air routes. From July 4, 2008, for the first time since 1950, a charter flights service crossing the Taiwan Strait has been restored.
***
23 Agosto 1958, “Seconda crisi dello Stretto di Taiwan”
Il 23 Agosto del 1958, la Repubblica Popolare cinese iniziò un pesante bombardamento dell’arcipelago delle isole Quemoy (in cinese Jinmen), territori sotto il controllo del Guomindang nella Repubblica di Cina, comunemente nota come Taiwan. L’aggressione segnò l’inizio della Seconda Crisi dello Stretto di Taiwan, un territorio ancora oggi interessato da una delicatissima questione diplomatica.
In seguito alla vittoria nella guerra civile del Partito Comunista e alla fondazione della Repubblica Popolare cinese nell’ottobre del 1949, gli esuli del Guomindang, guidati dal generale Chiang Kai-shek, si ritirarono sull’isola di Taiwan, proclamandola Repubblica di Cina nel dicembre del 1949 e asserendo di essere l’unico legittimo governo cinese.
Sebbene gli U.S.A. avessero già riconosciuto il governo di Taiwan come l’unico legittimato a governare su tutta la Cina, in seguito allo scoppio della Guerra di Corea, il 25 Giugno del 1950, il presidente Harry Truman dichiarò che la “neutralizzazione dello Stretto di Formosa” era una questione di primario interesse per gli U.S.A., decidendo di dislocare la VII Flotta della marina militare a protezione dell’isola di Taiwan per impedire qualsiasi conflitto tra la Repubblica Popolare cinese e la Repubblica di Cina.
La flotta fu ritirata il 2 Febbraio del 1953 su ordine del presidente Eisenhower, ma nell’Agosto del 1954 gli eserciti di Taiwan si affrettarono a militarizzare le isole di Quemoy e di Matsu. Il premier della Repubblica Popolare cinese Zhou Enlai inviò l’Esercito Popolare di Liberazione, il quale diede il via a fitti bombardamenti delle due isole.
La Prima Crisi dello Stretto di Taiwan, episodio che rinvigorì il timore dell’espansione comunista in Asia, convinse gli U.S.A. ad accordarsi con la Repubblica di Cina tramite il “Trattato di Mutua Difesa”, firmato il 2 Dicembre del 1954 e ratificato nel Marzo dello stesso anno. Il Trattato non includeva un intervento statunitense in caso di attacco delle isole Quemoy e Matsu, ma solo di Taiwan e delle isole Penghu (Pescadores).
Il 25 Gennaio del 1955 fu approvata la “Risoluzione Formosa”, la quale autorizzava il presidente Eisenhower ad intervenire militarmente a difesa dei territori della Repubblica di Cina. La Repubblica Popolare cinese cessò i bombardamenti nell’aprile del 1955.
La Seconda Crisi, un attacco portato in territori non coperti dal Trattato del 1954, vide l’intervento congiunto degli U.S.A., impegnati stavolta a fornire armamenti alla Repubblica di Cina, e della Russia, la quale inviò il Ministro degli Esteri Andrei Gromyko a Pechino per invitare Mao Zedong a desistere dall’attacco. Il 22 Settembre del 1958, dopo uno stallo iniziale provocato dall’evidente superiorità degli armamenti aerei forniti a Taiwan dagli U.S.A., la Repubblica Popolare Cinese desistette dall’attacco, fino a cessare del tutto i bombardamenti.
Il prolungato cessate il fuoco e il delicato mantenimento dello “status quo ante bellum” furono oggetto di intricate relazioni internazionali, che iniziarono a normalizzarsi solo con la visita del presidente Richard Nixon nella Repubblica Popolare cinese del 1972.
La diffusione del “Comunicato di Shanghai”, che affermava la netta intenzione degli U.S.A. a proseguire verso una normalizzazione dei rapporti diplomatici e commerciali, si unì all’accettazione da parte statunitense dell’idea che tutti gli abitanti sui due lati dello Stretto di Taiwan credessero nell’esistenza di “una sola Cina”. Le condizioni poste dalla Repubblica Popolare cinese per la normalizzazione dei rapporti includevano, tuttavia, l’interruzione delle relazioni diplomatiche tra gli U.S.A. e Taiwan, il riconoscimento dell’illegittimità del Patto del 1954 e il ritiro delle forze militari statunitensi dall’area di Taiwan.
Il 1 Gennaio del 1979 con un secondo Comunicato congiunto del presidente “Jimmy” Carter, che ricevette la visita di Deng Xiaoping, gli U.S.A. riconobbero ufficialmente il governo della Repubblica Popolare cinese e accettarono le tre richieste, interrompendo perciò ogni contatto diplomatico con le “autorità governative di Taiwan”.
Il 17 Agosto del 1982, in seguito ad un’aggressiva politica dell’amministrazione Reagan, intenzionata a rifornire di armamenti Taiwan, si rese necessario un “Terzo Comunicato Congiunto” tra la Repubblica Popolare cinese e gli U.S.A.. Sebbene garantisse solo una riduzione della quantità di armamenti venduti, il Comunicato riaffermava la volontà dei due Paesi di rispettare i termini descritti nel comunicato precedente e di cercare una soluzione pacifica alla questione.
Nel Novembre del 1992, durante un incontro dell’Associazione per le Relazioni attraverso lo Stretto di Taiwan (ARATS, con sede nella Repubblica Popolare cinese) e la Fondazione per gli Scambi nello Stretto (SEF, di Taiwan), le organizzazioni si pronunciarono sul significato dell’espressione “una sola Cina”, annunciando che entrambe le fazioni convenivano di certo sulla sua esistenza, ma differivano sul suo significato. In ogni caso, Taiwan restava parte della Cina, così come la Repubblica Popolare cinese. Tale assenso, pur se limitato ad un ambito commerciale, fu cruciale nell’evolversi delle relazioni internazionali e restò famoso come “il Consenso del 1992”.
L’annunciata visita del presidente di Taiwan Lee Teng-hui alla Cornell University di Ithaca (NY), e l’iniziale decisione degli U.S.A. di non fornire un visto al leader taiwanese per non infrangere gli accordi presi con la Cina, provocò una forte reazione delle frange pro-Taiwan del Congresso degli U.S.A., che in una seconda votazione si disse favorevole alla visita e alla concessione del visto.
Il 21 Luglio del 1995, sotto l’amministrazione Clinton, la Repubblica Popolare cinese riprese il suo programma di test missilistici, andando a colpire un’area prossima all’isola di Pengjia e scatenando così la Terza Crisi dello Stretto di Taiwan. Data la delicatezza della situazione, che andava a minacciare sia le elezioni americane che quelle di Taiwan, per le quali Lee Teng-hui era candidato, l’amministrazione Clinton decise di mobilitare la flotta Indipendence, di stanza in Giappone, nel Marzo del 1996, costringendo le parti a un cessate il fuoco.
Il 14 Marzo 2005, sotto la presidenza di Hu Jintao, la Repubblica Popolare cinese approvò la “Legge Anti-secessione”, che indica nella “Politica di una sola Cina” (One-China Policy) la base per la risoluzione di questa controversia e afferma, ufficialmente, la possibilità dell’uso di mezzi di dissuasione non pacifici in caso di una dichiarazione di indipendenza del territorio di Taiwan.
A dispetto della tensione, spesso sfociata in conflitto, i rapporti diplomatici e commerciali sono intensi e fruttuosi soprattutto a partire dal 2008, anno in cui Hu Jintao convenne con Ma Ying-jeou, candidato del Guomindang e attuale presidente di Taiwan, che il “Consenso del 1992” fosse la base per le future relazioni.

Una serie di incontri tra la ARATS e la SEF nel 2008 hanno inoltre permesso l’apertura di numerose rotte aeree. Dal 4 Luglio del 2008, per la prima volta dal 1950, è stato ripristinato un servizio di voli charter che attraversano lo Stretto di Taiwan.

August 23, 1958, “Second Taiwan Strait Crisis”

On 23 August 1958, the People’s Liberation Army began a heavy bombardment of the archipelago of Quemoy islands (Jinmen in Chinese), territories under the control of the Republic of China, commonly known as Taiwan. The attack marked the beginning of the Second Taiwan Strait Crisis, an area still affected by a delicate diplomatic issue.

Following the victory in the Civil War and the founding of the Communist Party of the People’s Republic of China in October 1949, the exiled Kuomintang, led by General Chiang Kai-shek, retreated to the island of Taiwan, proclaiming it Republic of China in December 1949 and claiming to be the sole legitimate government of China.

Although the U.S. had already recognized the government of Taiwan as the only one entitled to rule over all of China, following the outbreak of the Korean War on June 25, 1950, President Harry Truman declared that the “neutralization of the Straits of Formosa” was a question of primary interest to the United States, deciding to deploy the VII Fleet of the Navy to protect the island of Taiwan and to prevent any conflict between the People’s Republic of China and the Republic of China.

The fleet was withdrawn on February 2, 1953 by order of President Eisenhower, but in August 1954 the armies of Taiwan hastened to militarize the islands of Quemoy and Matsu. The premier of the People’s Republic of China Zhou Enlai, on August 11, 1954, sent the People’s Liberation Army and started the bombing of the two islands.

The First Taiwan Strait Crisis, an episode that revived the fear of the Communist expansion in Asia, convinced the USA to discuss with the Republic of China the “Mutual Defense Treaty”, signed on December 2, 1954, and ratified in March of the same year. The treaty did not include an American intervention in the event of an attack of the islands Quemoy and Matsu, but only in Taiwan and the Penghu Islands (Pescadores).

On January 25, 1955 the “Formosa Resolution” was approved, authorizing the President Eisenhower to intervene militarily in defense of the territories of the Republic of China. The People’s Republic of China ceased bombing in April 1955.

The Second Crisis, an attack in territories not covered by the Treaty of 1954, saw the joint intervention of the USA, this time committed to providing weapons to the Republic of China, and Russia, which sent foreign minister Andrei Gromyko in Beijing, who invited Mao Zedong to desist from the attack. On September 22, 1958, after an initial deadlock caused by the evident superiority of aircraft supplied by the United States to Taiwan, the Republic of China desisted from the attack, until they ceased bombing altogether.

The prolonged ceasefire and the delicate maintaining the “status quo ante bellum” were the subject of intricate international relationship, which began to normalize only with the visit of President Richard Nixon in the People’s Republic of China in 1972.

The spread of the “Shanghai Communiqué”, who claimed the clear intention of the USA to continue towards a normalization of diplomatic and trade relations, was joined by the acceptance from the USA of the idea that all the inhabitants on both sides of the Taiwan Strait believed in the existence of “one China”. However, the conditions imposed by the People’s Republic of China to the normalization of relations included the interruption of diplomatic relationship between the United States and Taiwan, the recognition of the illegality of the “1954 Treaty” and the withdrawal of American forces from the Taiwan Strait.

On January 1, 1979, with the Second Joint Communiqué the President “Jimmy” Carter, who received the visit of Deng Xiaoping, the USA officially recognized the Government of the People’s Republic of China and accepted the three demands, thus stopping any diplomatic contact with the “governmental authorities of Taiwan”.

On August 17, 1982, as a result of the aggressive policy of the Reagan administration, determined to replenish Taiwan’s armaments, a “Third Joint Communiqué” between the People’s Republic of China and the USA became necessary. Though it only guaranteed to reduce the amount of armaments sales, the agreement reaffirmed the commitment of both countries to comply with the terms described in the “Taiwan Relations Act” and to seek a peaceful solution to the issue.

In November 1992, during a meeting of the Association for Relations across the Taiwan Strait (ARATS, with base in the People’s Republic of China) and the Straits Exchange Foundation (SEF, Taiwan), organizations spoke out about the meaning of the expression “one-China”, announcing that both sides agreed they were certain of its existence, but differed on its meaning. In any case, Taiwan remained part of China, as well as the People’s Republic of China. Such acquiescence, even if limited to a commercial standpoint, was crucial in the evolution of international relationship and it became known as the “1992 Consensus”.

The announced visit of Taiwanese President Lee Teng-hui to Cornell University in Ithaca (NY), and the initial decision of the United States not to provide a visa to the Taiwanese leader, in order not to break the agreements with People’s Republic of China, provoked a strong reaction of the pro-Taiwan fringes in the Congress of the United States, which in a second vote pronounced itself in favor of the visit and the granting of a visa.

On July 21, 1995, under the Clinton administration, the People’s Republic of China resumed its program of missile tests, hitting an area near the island of Pengjia and thereby triggering the Third Taiwan Strait Crisis. Given that the issue was going to threaten the American elections as well as those in Taiwan, where Lee Teng-hui was running for president, the Clinton administration decided to mobilize the Independence fleet, stationed in Japan, in March 1996, forcing the armies to a cease-fire.

On March 14, 2005, under the presidency of Hu Jintao, the People’s Republic of China approved the “Anti-Secession Law”, which indicates in the “One-China Policy” the basis for the resolution of this dispute and declares, officially, the possibility of using non-peaceful means of deterrence in the event of a declaration of independence of Taiwan.

Despite the tension often resulted in conflict, the diplomatic and trade relationship are intense and fruitful since 2008, when Hu Jintao agreed with Ma Ying-jeou, Kuomintang candidate and current president of Taiwan, that the “1992 Consensus” was the basis for future relations.

A series of meetings between the ARATS and the SEF in 2008 also allowed the opening of a number of air routes. From July 4, 2008, for the first time since 1950, a charter flights service crossing the Taiwan Strait has been restored.

***

23 Agosto 1958, “Seconda crisi dello Stretto di Taiwan”

Il 23 Agosto del 1958, la Repubblica Popolare cinese iniziò un pesante bombardamento dell’arcipelago delle isole Quemoy (in cinese Jinmen), territori sotto il controllo del Guomindang nella Repubblica di Cina, comunemente nota come Taiwan. L’aggressione segnò l’inizio della Seconda Crisi dello Stretto di Taiwan, un territorio ancora oggi interessato da una delicatissima questione diplomatica.

In seguito alla vittoria nella guerra civile del Partito Comunista e alla fondazione della Repubblica Popolare cinese nell’ottobre del 1949, gli esuli del Guomindang, guidati dal generale Chiang Kai-shek, si ritirarono sull’isola di Taiwan, proclamandola Repubblica di Cina nel dicembre del 1949 e asserendo di essere l’unico legittimo governo cinese.

Sebbene gli U.S.A. avessero già riconosciuto il governo di Taiwan come l’unico legittimato a governare su tutta la Cina, in seguito allo scoppio della Guerra di Corea, il 25 Giugno del 1950, il presidente Harry Truman dichiarò che la “neutralizzazione dello Stretto di Formosa” era una questione di primario interesse per gli U.S.A., decidendo di dislocare la VII Flotta della marina militare a protezione dell’isola di Taiwan per impedire qualsiasi conflitto tra la Repubblica Popolare cinese e la Repubblica di Cina.

La flotta fu ritirata il 2 Febbraio del 1953 su ordine del presidente Eisenhower, ma nell’Agosto del 1954 gli eserciti di Taiwan si affrettarono a militarizzare le isole di Quemoy e di Matsu. Il premier della Repubblica Popolare cinese Zhou Enlai inviò l’Esercito Popolare di Liberazione, il quale diede il via a fitti bombardamenti delle due isole.

La Prima Crisi dello Stretto di Taiwan, episodio che rinvigorì il timore dell’espansione comunista in Asia, convinse gli U.S.A. ad accordarsi con la Repubblica di Cina tramite il “Trattato di Mutua Difesa”, firmato il 2 Dicembre del 1954 e ratificato nel Marzo dello stesso anno. Il Trattato non includeva un intervento statunitense in caso di attacco delle isole Quemoy e Matsu, ma solo di Taiwan e delle isole Penghu (Pescadores).

Il 25 Gennaio del 1955 fu approvata la “Risoluzione Formosa”, la quale autorizzava il presidente Eisenhower ad intervenire militarmente a difesa dei territori della Repubblica di Cina. La Repubblica Popolare cinese cessò i bombardamenti nell’aprile del 1955.

La Seconda Crisi, un attacco portato in territori non coperti dal Trattato del 1954, vide l’intervento congiunto degli U.S.A., impegnati stavolta a fornire armamenti alla Repubblica di Cina, e della Russia, la quale inviò il Ministro degli Esteri Andrei Gromyko a Pechino per invitare Mao Zedong a desistere dall’attacco. Il 22 Settembre del 1958, dopo uno stallo iniziale provocato dall’evidente superiorità degli armamenti aerei forniti a Taiwan dagli U.S.A., la Repubblica Popolare Cinese desistette dall’attacco, fino a cessare del tutto i bombardamenti.

Il prolungato cessate il fuoco e il delicato mantenimento dello “status quo ante bellum” furono oggetto di intricate relazioni internazionali, che iniziarono a normalizzarsi solo con la visita del presidente Richard Nixon nella Repubblica Popolare cinese del 1972.

La diffusione del “Comunicato di Shanghai”, che affermava la netta intenzione degli U.S.A. a proseguire verso una normalizzazione dei rapporti diplomatici e commerciali, si unì all’accettazione da parte statunitense dell’idea che tutti gli abitanti sui due lati dello Stretto di Taiwan credessero nell’esistenza di “una sola Cina”. Le condizioni poste dalla Repubblica Popolare cinese per la normalizzazione dei rapporti includevano, tuttavia, l’interruzione delle relazioni diplomatiche tra gli U.S.A. e Taiwan, il riconoscimento dell’illegittimità del Patto del 1954 e il ritiro delle forze militari statunitensi dall’area di Taiwan.

Il 1 Gennaio del 1979 con un secondo Comunicato congiunto del presidente “Jimmy” Carter, che ricevette la visita di Deng Xiaoping, gli U.S.A. riconobbero ufficialmente il governo della Repubblica Popolare cinese e accettarono le tre richieste, interrompendo perciò ogni contatto diplomatico con le “autorità governative di Taiwan”.

Il 17 Agosto del 1982, in seguito ad un’aggressiva politica dell’amministrazione Reagan, intenzionata a rifornire di armamenti Taiwan, si rese necessario un “Terzo Comunicato Congiunto” tra la Repubblica Popolare cinese e gli U.S.A.. Sebbene garantisse solo una riduzione della quantità di armamenti venduti, il Comunicato riaffermava la volontà dei due Paesi di rispettare i termini descritti nel comunicato precedente e di cercare una soluzione pacifica alla questione.

Nel Novembre del 1992, durante un incontro dell’Associazione per le Relazioni attraverso lo Stretto di Taiwan (ARATS, con sede nella Repubblica Popolare cinese) e la Fondazione per gli Scambi nello Stretto (SEF, di Taiwan), le organizzazioni si pronunciarono sul significato dell’espressione “una sola Cina”, annunciando che entrambe le fazioni convenivano di certo sulla sua esistenza, ma differivano sul suo significato. In ogni caso, Taiwan restava parte della Cina, così come la Repubblica Popolare cinese. Tale assenso, pur se limitato ad un ambito commerciale, fu cruciale nell’evolversi delle relazioni internazionali e restò famoso come “il Consenso del 1992”.

L’annunciata visita del presidente di Taiwan Lee Teng-hui alla Cornell University di Ithaca (NY), e l’iniziale decisione degli U.S.A. di non fornire un visto al leader taiwanese per non infrangere gli accordi presi con la Cina, provocò una forte reazione delle frange pro-Taiwan del Congresso degli U.S.A., che in una seconda votazione si disse favorevole alla visita e alla concessione del visto.

Il 21 Luglio del 1995, sotto l’amministrazione Clinton, la Repubblica Popolare cinese riprese il suo programma di test missilistici, andando a colpire un’area prossima all’isola di Pengjia e scatenando così la Terza Crisi dello Stretto di Taiwan. Data la delicatezza della situazione, che andava a minacciare sia le elezioni americane che quelle di Taiwan, per le quali Lee Teng-hui era candidato, l’amministrazione Clinton decise di mobilitare la flotta Indipendence, di stanza in Giappone, nel Marzo del 1996, costringendo le parti a un cessate il fuoco.

Il 14 Marzo 2005, sotto la presidenza di Hu Jintao, la Repubblica Popolare cinese approvò la “Legge Anti-secessione”, che indica nella “Politica di una sola Cina” (One-China Policy) la base per la risoluzione di questa controversia e afferma, ufficialmente, la possibilità dell’uso di mezzi di dissuasione non pacifici in caso di una dichiarazione di indipendenza del territorio di Taiwan.

A dispetto della tensione, spesso sfociata in conflitto, i rapporti diplomatici e commerciali sono intensi e fruttuosi soprattutto a partire dal 2008, anno in cui Hu Jintao convenne con Ma Ying-jeou, candidato del Guomindang e attuale presidente di Taiwan, che il “Consenso del 1992” fosse la base per le future relazioni.

Una serie di incontri tra la ARATS e la SEF nel 2008 hanno inoltre permesso l’apertura di numerose rotte aeree. Dal 4 Luglio del 2008, per la prima volta dal 1950, è stato ripristinato un servizio di voli charter che attraversano lo Stretto di Taiwan.

August 14, 1900, “Boxer Rebellion: The Siege of the Legations in Beijing”
On August 14, 1900, after 55 days of siege, the armies of the Eight Nations Alliance liberated the Legation Quarter in Beijing, threatened by Boxer’s irregulars and by the army of the Qing Dynasty, which supported the rebels.
The proliferation of numerous secret societies, often openly dedicated to armed struggle, worried both foreign diplomats and the Qing empire. The Militia United in Righteousness, founded in Shandong around 1896, joined the martial training to other typical features of millenarian movements, such as the belief that its affiliates could, through the intercession of Taoist and Buddhist deities, become invulnerable towards blows of rifle, and that these same spirits would have helped them liberate China from foreign occupation.
After the opium wars, China was divided into “spheres of influence” of the major Western imperialist powers, which imposed “unequal treaties” on China, placing severe limits on Chinese national sovreignty.
In 1898, the Boxer, as they were called by the American and British missionaries for their skill in martial arts, attacked the village of Liyuantun, where a Chinese temple had been converted into a Christian church. The rioters were recognized by the slogan “Support the Qing, destroy the foreigners.” (扶清灭洋), a motto that would become characteristic of the Boxer uprisings.
After an escalation of violence in January 1900, the Empress Cixi, ruler of the Qing, issued an edict that indirectly took up the defense of Boxers, causing protests from foreign delegates and allowing Boxers to move freely in Beijing. Numerous burnings of Christian churches and public executions of christians persuaded foreign diplomats to ask the Chinese government to ensure the entry of foreign troops in Beijing in order to defend the delegations, and on May 31 a battalion for each of the Eight Nations (France, Russia, Great Britain, USA, Germany, Italy, Japan and the Austro-Hungarian Empire) arrived in town.
In June of the same year, the threat of the Boxer was very real, so much that the delegates sent to Beijing a second army of about 2,000 soldiers, led by the British Vice Admiral Seymour. Since the Boxers had interrupted the railway line from Tianjin to Beijing, Seymour decided to march on Beijing without waiting for permission from the Qing government. Angered and alarmed, the Qing soldiers resolved to make contact with the the Boxers, and they fought side by side on June 18 at the Battle of Langfang, where the Seymour Expedition was defeated, although in the face of heavy losses for the Chinese army.
On June 20, forced to decide, Empress Cixi opted to declare war to the foreign delegations, ordering to the Qing army to join the Boxers, and laying siege to the Beijing Legation Quarter. The Eight Nations Alliance, with each of the countries holding its own section of wall, defended hosted missionaries and Christians, many of whom volunteered to fight.
A first armistice offered by the Chinese themselves on July 17, following the news that 20,000 foreign soldiers were ready to land in China, ended in a cease-fire, violated by the militias of the Boxer on the night of August 13th. On August 14, after having surrounded the besiegers, the additional troops of the Eight Nations Alliance put an end to the siege, while the Empress Cixi and the whole imperial court fled to the ancient capital of Xi’An, disguised as peasants.
On September 7, 1901, after witnessing the looting and massacres perpetrated by retreating troops, the Qing government signed the Boxer Protocol, which demanded the death penalty for 10 Chinese high-officiers and an indemnity of 450 million in silver tael, about $5 billion, to be paid in 39 years.
***14 agosto 1900, “Rivolta dei Boxer: l’Assedio delle Legazioni di Pechino”
Il 14 Agosto del 1900, dopo 55 giorni di assedio, gli eserciti dell’Alleanza delle Otto Nazioni liberarono il Quartiere delle Legazioni di Pechino, minacciato dalle milizie irregolari dei Boxer e dall’esercito della dinastia Qing, che appoggiava i rivoltosi.
Il proliferare di numerose società segrete, molto spesso apertamente dedicate alla lotta armata, preoccupava sia i diplomatici stranieri che l’impero Qing. La Società di Giustizia e Concordia, sorta nello Shandong intorno al 1896, univa l’addestramento marziale ad altri caratteri tipici dei movimenti millenaristici, come la convinzione che i suoi affiliati potessero, tramite l’intercessione di divinità Taoiste e Buddhiste, essere invulnerabili ai colpi di fucile, e che questi stessi spiriti li avrebbero aiutati a liberare la Cina dall’occupazione straniera.
In seguito alle guerre dell’oppio, la Cina era stata infatti divisa in zone d’influenza dalle potenze Occidentali imperialiste, che avevano imposto un sistema di “trattati ineguali” arrecando tra l’altro gravi limitazioni alla sovranità nazionale cinese.
Nel 1898 i Boxer, così come venivano chiamati dai missionari americani ed inglesi per la loro abilità nelle arti marziali, attaccarono il villaggio di Liyuantun, dove un tempio cinese era stato convertito in una chiesa cristiana. I rivoltosi si riconoscevano nello slogan “Supportare i Qing, Distruggere gli stranieri!” (扶清灭洋), un motto che sarebbe poi diventato caratteristico delle rivolte dei Boxer.
Dopo un intensificarsi delle violenze, nel gennaio del 1900 l’imperatrice Cixi, sovrano dei Qing, promulgò un editto che prendeva indirettamente le difese dei Boxer, provocando le proteste dei delegati stranieri e garantendo ai Boxer la possibilità di muoversi liberamente a Pechino. Numerosi roghi di chiese cristiane ed esecuzioni pubbliche di fedeli, cinesi e non, convinsero i diplomatici stranieri a chiedere al governo cinese di garantire a truppe straniere l’ingresso a Pechino al fine di difendere le delegazioni, e il 31 Maggio contingenti delle Otto Nazioni (Francia, Russia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Italia, Giappone e Impero Austroungarico) arrivarono in città.
A giugno dello stesso anno la minaccia dei Boxer era ormai concreta, tanto da spingere i delegati ad inviare a Pechino un secondo contingente di circa 2.000 soldati, guidati dal viceammiraglio inglese Seymour. Dal momento che i Boxer avevano interrotto la linea ferroviaria da Tianjin a Pechino, Seymour proseguì la sua marcia verso Pechino senza attendere il permesso del governo dei Qing. Infuriati ed allarmati, i soldati Qing si risolsero a prendere contatto con le milizie dei Boxer, affiancandoli il 18 Giugno nella Battaglia di Langfang, dove la Spedizione Seymour fu sconfitta, anche se a fronte di gravi perdite per l’esercito cinese.
Il 20 Giugno, costretta a prendere posizione, l’imperatrice Cixi decise di dichiarare guerra alle delegazioni straniere, affiancando i suoi più moderni battaglioni alle milizie dei Boxer e cingendo d’assedio il Quartiere delle delegazioni di Pechino. L’Alleanza delle Otto Nazioni, ognuna delle quali difendeva il proprio tratto di mura, ospitò e difese missionari e cristiani, molti dei quali si offrirono volontari per combattere.
Un primo armistizio, offerto dagli stessi cinesi il 17 luglio in seguito alla notizia che 20.000 soldati stranieri fossero pronti a sbarcare in Cina, si risolse in un cessate il fuoco, violato dalle milizie dei Boxer la notte del 13 Agosto. Il 14 Agosto, dopo aver accerchiato gli assedianti, le truppe supplementari dell’Alleanza delle Otto Nazioni posero fine all’assedio, mentre l’imperatrice Cixi e tutta la corte imperiale fuggivano nell’antica capitale di Xi’An, travestiti da contadini.
Il 7 Settembre del 1901, dopo aver assistito ai saccheggi e ai massacri perpetrati dalle truppe in ritirata, il governo Qing firmò il Protocollo dei Boxer, il quale chiedeva la pena capitale per 10 alti ufficiali cinesi e un risarcimento di 450 milioni di tael d’argento, pari a circa 61 miliardi di dollari, da pagarsi in 39 anni.

August 14, 1900, “Boxer Rebellion: The Siege of the Legations in Beijing”

On August 14, 1900, after 55 days of siege, the armies of the Eight Nations Alliance liberated the Legation Quarter in Beijing, threatened by Boxer’s irregulars and by the army of the Qing Dynasty, which supported the rebels.

The proliferation of numerous secret societies, often openly dedicated to armed struggle, worried both foreign diplomats and the Qing empire. The Militia United in Righteousness, founded in Shandong around 1896, joined the martial training to other typical features of millenarian movements, such as the belief that its affiliates could, through the intercession of Taoist and Buddhist deities, become invulnerable towards blows of rifle, and that these same spirits would have helped them liberate China from foreign occupation.

After the opium wars, China was divided into “spheres of influence” of the major Western imperialist powers, which imposed “unequal treaties” on China, placing severe limits on Chinese national sovreignty.

In 1898, the Boxer, as they were called by the American and British missionaries for their skill in martial arts, attacked the village of Liyuantun, where a Chinese temple had been converted into a Christian church. The rioters were recognized by the slogan “Support the Qing, destroy the foreigners.” (扶清灭洋), a motto that would become characteristic of the Boxer uprisings.

After an escalation of violence in January 1900, the Empress Cixi, ruler of the Qing, issued an edict that indirectly took up the defense of Boxers, causing protests from foreign delegates and allowing Boxers to move freely in Beijing. Numerous burnings of Christian churches and public executions of christians persuaded foreign diplomats to ask the Chinese government to ensure the entry of foreign troops in Beijing in order to defend the delegations, and on May 31 a battalion for each of the Eight Nations (France, Russia, Great Britain, USA, Germany, Italy, Japan and the Austro-Hungarian Empire) arrived in town.

In June of the same year, the threat of the Boxer was very real, so much that the delegates sent to Beijing a second army of about 2,000 soldiers, led by the British Vice Admiral Seymour. Since the Boxers had interrupted the railway line from Tianjin to Beijing, Seymour decided to march on Beijing without waiting for permission from the Qing government. Angered and alarmed, the Qing soldiers resolved to make contact with the the Boxers, and they fought side by side on June 18 at the Battle of Langfang, where the Seymour Expedition was defeated, although in the face of heavy losses for the Chinese army.

On June 20, forced to decide, Empress Cixi opted to declare war to the foreign delegations, ordering to the Qing army to join the Boxers, and laying siege to the Beijing Legation Quarter. The Eight Nations Alliance, with each of the countries holding its own section of wall, defended hosted missionaries and Christians, many of whom volunteered to fight.

A first armistice offered by the Chinese themselves on July 17, following the news that 20,000 foreign soldiers were ready to land in China, ended in a cease-fire, violated by the militias of the Boxer on the night of August 13th. On August 14, after having surrounded the besiegers, the additional troops of the Eight Nations Alliance put an end to the siege, while the Empress Cixi and the whole imperial court fled to the ancient capital of Xi’An, disguised as peasants.

On September 7, 1901, after witnessing the looting and massacres perpetrated by retreating troops, the Qing government signed the Boxer Protocol, which demanded the death penalty for 10 Chinese high-officiers and an indemnity of 450 million in silver tael, about $5 billion, to be paid in 39 years.

***
14 agosto 1900, “Rivolta dei Boxer: l’Assedio delle Legazioni di Pechino”

Il 14 Agosto del 1900, dopo 55 giorni di assedio, gli eserciti dell’Alleanza delle Otto Nazioni liberarono il Quartiere delle Legazioni di Pechino, minacciato dalle milizie irregolari dei Boxer e dall’esercito della dinastia Qing, che appoggiava i rivoltosi.

Il proliferare di numerose società segrete, molto spesso apertamente dedicate alla lotta armata, preoccupava sia i diplomatici stranieri che l’impero Qing. La Società di Giustizia e Concordia, sorta nello Shandong intorno al 1896, univa l’addestramento marziale ad altri caratteri tipici dei movimenti millenaristici, come la convinzione che i suoi affiliati potessero, tramite l’intercessione di divinità Taoiste e Buddhiste, essere invulnerabili ai colpi di fucile, e che questi stessi spiriti li avrebbero aiutati a liberare la Cina dall’occupazione straniera.

In seguito alle guerre dell’oppio, la Cina era stata infatti divisa in zone d’influenza dalle potenze Occidentali imperialiste, che avevano imposto un sistema di “trattati ineguali” arrecando tra l’altro gravi limitazioni alla sovranità nazionale cinese.

Nel 1898 i Boxer, così come venivano chiamati dai missionari americani ed inglesi per la loro abilità nelle arti marziali, attaccarono il villaggio di Liyuantun, dove un tempio cinese era stato convertito in una chiesa cristiana. I rivoltosi si riconoscevano nello slogan “Supportare i Qing, Distruggere gli stranieri!” (扶清灭洋), un motto che sarebbe poi diventato caratteristico delle rivolte dei Boxer.

Dopo un intensificarsi delle violenze, nel gennaio del 1900 l’imperatrice Cixi, sovrano dei Qing, promulgò un editto che prendeva indirettamente le difese dei Boxer, provocando le proteste dei delegati stranieri e garantendo ai Boxer la possibilità di muoversi liberamente a Pechino. Numerosi roghi di chiese cristiane ed esecuzioni pubbliche di fedeli, cinesi e non, convinsero i diplomatici stranieri a chiedere al governo cinese di garantire a truppe straniere l’ingresso a Pechino al fine di difendere le delegazioni, e il 31 Maggio contingenti delle Otto Nazioni (Francia, Russia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Italia, Giappone e Impero Austroungarico) arrivarono in città.

A giugno dello stesso anno la minaccia dei Boxer era ormai concreta, tanto da spingere i delegati ad inviare a Pechino un secondo contingente di circa 2.000 soldati, guidati dal viceammiraglio inglese Seymour. Dal momento che i Boxer avevano interrotto la linea ferroviaria da Tianjin a Pechino, Seymour proseguì la sua marcia verso Pechino senza attendere il permesso del governo dei Qing. Infuriati ed allarmati, i soldati Qing si risolsero a prendere contatto con le milizie dei Boxer, affiancandoli il 18 Giugno nella Battaglia di Langfang, dove la Spedizione Seymour fu sconfitta, anche se a fronte di gravi perdite per l’esercito cinese.

Il 20 Giugno, costretta a prendere posizione, l’imperatrice Cixi decise di dichiarare guerra alle delegazioni straniere, affiancando i suoi più moderni battaglioni alle milizie dei Boxer e cingendo d’assedio il Quartiere delle delegazioni di Pechino. L’Alleanza delle Otto Nazioni, ognuna delle quali difendeva il proprio tratto di mura, ospitò e difese missionari e cristiani, molti dei quali si offrirono volontari per combattere.

Un primo armistizio, offerto dagli stessi cinesi il 17 luglio in seguito alla notizia che 20.000 soldati stranieri fossero pronti a sbarcare in Cina, si risolse in un cessate il fuoco, violato dalle milizie dei Boxer la notte del 13 Agosto. Il 14 Agosto, dopo aver accerchiato gli assedianti, le truppe supplementari dell’Alleanza delle Otto Nazioni posero fine all’assedio, mentre l’imperatrice Cixi e tutta la corte imperiale fuggivano nell’antica capitale di Xi’An, travestiti da contadini.

Il 7 Settembre del 1901, dopo aver assistito ai saccheggi e ai massacri perpetrati dalle truppe in ritirata, il governo Qing firmò il Protocollo dei Boxer, il quale chiedeva la pena capitale per 10 alti ufficiali cinesi e un risarcimento di 450 milioni di tael d’argento, pari a circa 61 miliardi di dollari, da pagarsi in 39 anni.

August 8, 2008, “Beijing Summer Olympics”
On August 8, 2008, at 8:08 pm, the Beijing National Stadium hosted the Opening Ceremony of the Beijing Summer Olympics, choreographed by the famous director Zhang Yimou. China thus became the third Asian country to host the Olympic Games, after those in Tokyo in 1964 and those in Seoul in 1988.
The decision to award the Olympic Games to Beijing came in 2001, and although the games of 2000 were awarded to the city of Sydney, which prevailed on Beijing for just two votes, this time the margin was overwhelming.
The most famous of the structures built on the occasion of this Olympic Games is undoubtedly the Beijing National Stadium, the result of a joint venture among the architects Jacques Herzog and Li Xinggang, with the contribution of the Chinese artist Ai Weiwei. Renamed the “Bird’s Nest” because of its shape and the intricate external structure, it remains the symbol of the push towards modernization impressed by the Olympic Games to the city of Beijing, which was enriched for the occasion of 7 new subway lines, added to the previous 4.
In addition to the excellent results of Chinese athletes, which placed China on the top of the standings with 51 gold medals won, the Olympics gave the world the image of a modern and efficient China, more present on the international political scene than ever. Inevitably, such a media exposure gave resonance to the numerous protests by various groups of human rights activists, such as those that hindered the route of the Olympic torch, or others who protested in favor of the independence of Tibet, as well as to the grievances of hundreds of Chinese families, forcibly translocated to build the Olympic venues.
In order to avoid any failure, the Chinese also relied on their proverbial superstition: the number 8, which appears five times in the date of the opening ceremony (08/08/08 at 08:08 pm), is considered a lucky number by the Chinese, since it has a similar pronunciation to the word “wealth”.
 ***8 Agosto 2008, “Olimpiadi di Pechino”
L’8 Agosto 2008, alle ore 8:08 della sera, lo Stadio Nazionale di Pechino ospitò la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Pechino, diretta dal celebre regista Zhang Yimou. La Cina divenne così il terzo Paese asiatico ad ospitare i giochi olimpici, dopo quelli di Tokyo nel 1964 e quelli di Seoul nel 1988.
La decisione di assegnare a Pechino i giochi olimpici arrivò nel 2001, e benché i giochi del 2000 fossero stati conquistati dalla città di Sidney, che prevalse su Pechino per soli due voti, stavolta il margine di maggioranza cinese fu schiacciante.
La più famosa delle strutture costruite in occasione delle olimpiadi del 2008 è senza dubbio lo Stadio Nazionale di Pechino, risultato di una joint-venture tra gli architetti Jacques Herzog e Li Xinggang, con il contributo dell’artista cinese Ai Weiwei. Ribattezzato “Nido d’uccello” per la sua forma e per l’intricata struttura esterna, esso rimane il simbolo della spinta alla modernizzazione impressa alla città di Pechino dai giochi olimpici, la quale fu dotata per l’occasione di 7 nuove linee di metropolitana, che si aggiunsero alle 4 precedenti.
Oltre agli ottimi risultati conquistati dagli atleti cinesi, che si piazzarono in cima alla classifica con 51 medaglie d’oro, le olimpiadi diedero al mondo l’immagine di una Cina moderna ed efficiente, sempre più presente sulla scena politica internazionale. Inevitabilmente, una simile esposizione mediatica diede risonanza anche alle numerose proteste di diversi gruppi di attivisti per i diritti umani, come quelli che ostacolarono il percorso della fiaccola olimpica, o di altri che protestarono a favore dell’indipendenza del Tibet, nonché alle rimostranze delle centinaia di famiglie cinesi forzosamente traslocate per far spazio alle strutture olimpiche.
Con la speranza di scongiurare ogni fallimento i cinesi si affidarono anche alla loro proverbiale superstizione: il numero 8, che compare ben cinque volte nella data della cerimonia d’apertura (08/08/08 alle 08:08), è considerato un numero fortunato dai cinesi, poiché ha una pronuncia simile alla parola “prosperità”.

August 8, 2008, “Beijing Summer Olympics”

On August 8, 2008, at 8:08 pm, the Beijing National Stadium hosted the Opening Ceremony of the Beijing Summer Olympics, choreographed by the famous director Zhang Yimou. China thus became the third Asian country to host the Olympic Games, after those in Tokyo in 1964 and those in Seoul in 1988.

The decision to award the Olympic Games to Beijing came in 2001, and although the games of 2000 were awarded to the city of Sydney, which prevailed on Beijing for just two votes, this time the margin was overwhelming.

The most famous of the structures built on the occasion of this Olympic Games is undoubtedly the Beijing National Stadium, the result of a joint venture among the architects Jacques Herzog and Li Xinggang, with the contribution of the Chinese artist Ai Weiwei. Renamed the “Bird’s Nest” because of its shape and the intricate external structure, it remains the symbol of the push towards modernization impressed by the Olympic Games to the city of Beijing, which was enriched for the occasion of 7 new subway lines, added to the previous 4.

In addition to the excellent results of Chinese athletes, which placed China on the top of the standings with 51 gold medals won, the Olympics gave the world the image of a modern and efficient China, more present on the international political scene than ever. Inevitably, such a media exposure gave resonance to the numerous protests by various groups of human rights activists, such as those that hindered the route of the Olympic torch, or others who protested in favor of the independence of Tibet, as well as to the grievances of hundreds of Chinese families, forcibly translocated to build the Olympic venues.

In order to avoid any failure, the Chinese also relied on their proverbial superstition: the number 8, which appears five times in the date of the opening ceremony (08/08/08 at 08:08 pm), is considered a lucky number by the Chinese, since it has a similar pronunciation to the word “wealth”.

***
8 Agosto 2008, “Olimpiadi di Pechino”

L’8 Agosto 2008, alle ore 8:08 della sera, lo Stadio Nazionale di Pechino ospitò la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Pechino, diretta dal celebre regista Zhang Yimou. La Cina divenne così il terzo Paese asiatico ad ospitare i giochi olimpici, dopo quelli di Tokyo nel 1964 e quelli di Seoul nel 1988.

La decisione di assegnare a Pechino i giochi olimpici arrivò nel 2001, e benché i giochi del 2000 fossero stati conquistati dalla città di Sidney, che prevalse su Pechino per soli due voti, stavolta il margine di maggioranza cinese fu schiacciante.

La più famosa delle strutture costruite in occasione delle olimpiadi del 2008 è senza dubbio lo Stadio Nazionale di Pechino, risultato di una joint-venture tra gli architetti Jacques Herzog e Li Xinggang, con il contributo dell’artista cinese Ai Weiwei. Ribattezzato “Nido d’uccello” per la sua forma e per l’intricata struttura esterna, esso rimane il simbolo della spinta alla modernizzazione impressa alla città di Pechino dai giochi olimpici, la quale fu dotata per l’occasione di 7 nuove linee di metropolitana, che si aggiunsero alle 4 precedenti.

Oltre agli ottimi risultati conquistati dagli atleti cinesi, che si piazzarono in cima alla classifica con 51 medaglie d’oro, le olimpiadi diedero al mondo l’immagine di una Cina moderna ed efficiente, sempre più presente sulla scena politica internazionale. Inevitabilmente, una simile esposizione mediatica diede risonanza anche alle numerose proteste di diversi gruppi di attivisti per i diritti umani, come quelli che ostacolarono il percorso della fiaccola olimpica, o di altri che protestarono a favore dell’indipendenza del Tibet, nonché alle rimostranze delle centinaia di famiglie cinesi forzosamente traslocate per far spazio alle strutture olimpiche.

Con la speranza di scongiurare ogni fallimento i cinesi si affidarono anche alla loro proverbiale superstizione: il numero 8, che compare ben cinque volte nella data della cerimonia d’apertura (08/08/08 alle 08:08), è considerato un numero fortunato dai cinesi, poiché ha una pronuncia simile alla parola “prosperità”.

July 28, 1976, “Tangshan Earthquake”
At 3:42 am, on July 28, 1976, a quake of 7.8 degrees on the Richter scale struck the province of Hebei, affecting mainly the industrial city of Tangshan, at that time inhabited by more than a million people.
The quake lasted about 15 seconds and totally razed the city, causing more than 240,000 deaths.
The day after, an aftershock of the 7th grade on the Richter Scale struck the city again, making rescue operations harder.
The Chinese government, which was running through one of its most dramatic period from the founding of the Republic, refused the help offered by the United Nations, choosing to rely primarily on the Liberation Army.
The year 1976 was indeed a “black” one for the People’s Republic: the Premier Zhou Enlai had just died on January 8, and shortly after the earthquake, on September 9, Mao Zedong passed away, leaving China in the hands of his successor Hua Guofeng.
The end of Hua Guofeng’s administration and the success of Deng Xiaoping’s political strategy helped to definitively put an end to the dark period of the Cultural Revolution.
A long lasting tradition in Chinese history is the belief that major natural disasters, such as famine, floods and earthquakes, alert the people that the ruling dynasty is not doing its job, and that therefore the Mandate of the Heaven ( Tianming, a sort of divine investiture ) that legitimized the dynasty has been revoked from Heaven itself.
***28 luglio 1976, “Terremoto di Tangshan”
Alle 3:42 del mattino, il 28 Luglio 1976, una scossa di 7.8 gradi sulla Scala Richter colpì la provincia dello Hebei, andando a interessare principalmente la città industriale di Tangshan, all’epoca popolata da più di un milione di persone.
La scossa, durata circa 15 secondi, rase al suolo quasi completamente la città, provocando più di 240.000 morti. Il giorno dopo, una scossa di assestamento del 7° grado della Scala Richter colpì nuovamente la città, rendendo le operazioni di soccorso disperate.
Il governo cinese, che attraversava forse il suo periodo più drammatico dalla fondazione della Repubblica, rifiutò l’aiuto offertogli dalle Nazioni Unite, scegliendo di contare principalmente sull’operato dell’Esercito di Liberazione.
Il 1976 fu davvero un anno “nero” per la Repubblica popolare: la morte del Premier Zhou Enlai risaliva ad appena l’8 Gennaio, e poco tempo dopo il terremoto, il 9 Settembre 1976, fu Mao Zedong ad andarsene, lasciando la Cina nelle mani del suo successore Hua Guofeng.
La fine della presidenza di Hua Guofeng e l’affermazione delle politiche di Deng Xiaoping contribuirono a porre fine definitivamente al tetro periodo della Rivoluzione Culturale.
E’ ricorrente nella tradizione cinese la credenza che le grandi calamità naturali, quali carestie, alluvioni e terremoti, segnalino al popolo che la dinastia regnante non stia svolgendo egregiamente il suo compito, e che pertanto il Mandato Celeste (Tianming, sorta di investitura divina concessa dal Cielo) che legittimava la dinastia sia stato revocato dal Cielo stesso.

July 28, 1976, “Tangshan Earthquake”

At 3:42 am, on July 28, 1976, a quake of 7.8 degrees on the Richter scale struck the province of Hebei, affecting mainly the industrial city of Tangshan, at that time inhabited by more than a million people.

The quake lasted about 15 seconds and totally razed the city, causing more than 240,000 deaths.

The day after, an aftershock of the 7th grade on the Richter Scale struck the city again, making rescue operations harder.

The Chinese government, which was running through one of its most dramatic period from the founding of the Republic, refused the help offered by the United Nations, choosing to rely primarily on the Liberation Army.

The year 1976 was indeed a “black” one for the People’s Republic: the Premier Zhou Enlai had just died on January 8, and shortly after the earthquake, on September 9, Mao Zedong passed away, leaving China in the hands of his successor Hua Guofeng.

The end of Hua Guofeng’s administration and the success of Deng Xiaoping’s political strategy helped to definitively put an end to the dark period of the Cultural Revolution.

A long lasting tradition in Chinese history is the belief that major natural disasters, such as famine, floods and earthquakes, alert the people that the ruling dynasty is not doing its job, and that therefore the Mandate of the Heaven ( Tianming, a sort of divine investiture ) that legitimized the dynasty has been revoked from Heaven itself.

***
28 luglio 1976, “Terremoto di Tangshan”

Alle 3:42 del mattino, il 28 Luglio 1976, una scossa di 7.8 gradi sulla Scala Richter colpì la provincia dello Hebei, andando a interessare principalmente la città industriale di Tangshan, all’epoca popolata da più di un milione di persone.

La scossa, durata circa 15 secondi, rase al suolo quasi completamente la città, provocando più di 240.000 morti. Il giorno dopo, una scossa di assestamento del 7° grado della Scala Richter colpì nuovamente la città, rendendo le operazioni di soccorso disperate.

Il governo cinese, che attraversava forse il suo periodo più drammatico dalla fondazione della Repubblica, rifiutò l’aiuto offertogli dalle Nazioni Unite, scegliendo di contare principalmente sull’operato dell’Esercito di Liberazione.

Il 1976 fu davvero un anno “nero” per la Repubblica popolare: la morte del Premier Zhou Enlai risaliva ad appena l’8 Gennaio, e poco tempo dopo il terremoto, il 9 Settembre 1976, fu Mao Zedong ad andarsene, lasciando la Cina nelle mani del suo successore Hua Guofeng.

La fine della presidenza di Hua Guofeng e l’affermazione delle politiche di Deng Xiaoping contribuirono a porre fine definitivamente al tetro periodo della Rivoluzione Culturale.

E’ ricorrente nella tradizione cinese la credenza che le grandi calamità naturali, quali carestie, alluvioni e terremoti, segnalino al popolo che la dinastia regnante non stia svolgendo egregiamente il suo compito, e che pertanto il Mandato Celeste (Tianming, sorta di investitura divina concessa dal Cielo) che legittimava la dinastia sia stato revocato dal Cielo stesso.

July 16, 2008, “Scandal of melamine-tainted milk break out in Gansu”
On 16 July 2008 in Gansu Province was reported that 16 infants who had been fed on milk powder produced by Sanlu Group were diagnosed of kidney stones.
After a series of surveys on Sanlu, leader company of that market, the inspections were followed up to bring to light similar cases in other 21 companies, which used melamine or other compounds to adulterate their products.
Melamin, used in the production of plastic resins implied for the manufacture of dishes, is able to simulate a greater presence of proteins in foods, but its intake causes the formation of kidney stones.
In September 2008, the hospitalization of infants with kidney problems had come to about 54,000 in the whole China, and the deaths amounted to 4.
Followed by a large public outcry against corporate and government, whose intervention had proved late, the scandal brought great visibility to the issue of Food Safety, a very sensitive topic in China, and with numerous precedents, although this case was faced with great severity.
In addition to having ordered three death sentences, two of which were executed, and three life imprisonment sentences to punish the guilty, the Chinese government has stepped up controls and standards in food production, although the temptation to manipulate foods may depend on the simple fact that the price of certain raw materials, such as milk and eggs, depends on their protein content.
***
16 luglio 2008, “Scoppia lo scandalo del latte alla melamina nel Gansu”
Il 16 luglio 2008 nella provincia del Gansu fu reso noto che a 16 neonati, che erano stati nutriti con del latte in polvere prodotto dalla Sanlu Group, erano stati diagnosticati dei calcoli renali.
Dopo una serie di indagini sulla Sanlu, azienda leader nel settore, le ispezioni si susseguirono fino a portare alla luce casi simili in altre 21 aziende, le quali si erano servite di melamina o altri composti per sofisticare i propri prodotti.
La melamina, impiegata nella produzione di resine plastiche usate per la fabbricazione di stoviglie, è in grado di simulare una maggiore presenza di proteine negli alimenti, ma la sua assunzione provoca la formazione di calcoli renali.
Nel settembre 2008 i ricoveri di infanti con problemi renali erano arrivati a circa 54.000 in tutta la Cina, e i decessi ammontavano a 4.
Accompagnato da una grande indignazione pubblica nei confronti delle aziende e del governo, il cui intervento si era rivelato tardivo, lo scandalo portò grande visibilità alla questione della Sicurezza Alimentare, tema molto sensibile in Cina e con numerosi precedenti, affrontato in questo caso con gran severità.
Oltre ad aver ordinato tre pene capitali, due delle quali eseguite, e tre ergastoli per punire i colpevoli, il governo cinese ha intensificato i controlli ed alzato gli standard nella produzione degli alimenti, anche se purtroppo la tentazione di manipolare gli alimenti sembrerebbe dipendere dal semplice fatto che il prezzo di alcune materie prime, come il latte e le uova, dipende dal loro contenuto proteico.

July 16, 2008, “Scandal of melamine-tainted milk break out in Gansu”

On 16 July 2008 in Gansu Province was reported that 16 infants who had been fed on milk powder produced by Sanlu Group were diagnosed of kidney stones.

After a series of surveys on Sanlu, leader company of that market, the inspections were followed up to bring to light similar cases in other 21 companies, which used melamine or other compounds to adulterate their products.

Melamin, used in the production of plastic resins implied for the manufacture of dishes, is able to simulate a greater presence of proteins in foods, but its intake causes the formation of kidney stones.

In September 2008, the hospitalization of infants with kidney problems had come to about 54,000 in the whole China, and the deaths amounted to 4.

Followed by a large public outcry against corporate and government, whose intervention had proved late, the scandal brought great visibility to the issue of Food Safety, a very sensitive topic in China, and with numerous precedents, although this case was faced with great severity.

In addition to having ordered three death sentences, two of which were executed, and three life imprisonment sentences to punish the guilty, the Chinese government has stepped up controls and standards in food production, although the temptation to manipulate foods may depend on the simple fact that the price of certain raw materials, such as milk and eggs, depends on their protein content.

***

16 luglio 2008, “Scoppia lo scandalo del latte alla melamina nel Gansu”

Il 16 luglio 2008 nella provincia del Gansu fu reso noto che a 16 neonati, che erano stati nutriti con del latte in polvere prodotto dalla Sanlu Group, erano stati diagnosticati dei calcoli renali.

Dopo una serie di indagini sulla Sanlu, azienda leader nel settore, le ispezioni si susseguirono fino a portare alla luce casi simili in altre 21 aziende, le quali si erano servite di melamina o altri composti per sofisticare i propri prodotti.

La melamina, impiegata nella produzione di resine plastiche usate per la fabbricazione di stoviglie, è in grado di simulare una maggiore presenza di proteine negli alimenti, ma la sua assunzione provoca la formazione di calcoli renali.

Nel settembre 2008 i ricoveri di infanti con problemi renali erano arrivati a circa 54.000 in tutta la Cina, e i decessi ammontavano a 4.

Accompagnato da una grande indignazione pubblica nei confronti delle aziende e del governo, il cui intervento si era rivelato tardivo, lo scandalo portò grande visibilità alla questione della Sicurezza Alimentare, tema molto sensibile in Cina e con numerosi precedenti, affrontato in questo caso con gran severità.

Oltre ad aver ordinato tre pene capitali, due delle quali eseguite, e tre ergastoli per punire i colpevoli, il governo cinese ha intensificato i controlli ed alzato gli standard nella produzione degli alimenti, anche se purtroppo la tentazione di manipolare gli alimenti sembrerebbe dipendere dal semplice fatto che il prezzo di alcune materie prime, come il latte e le uova, dipende dal loro contenuto proteico.

July 11, 1974, “Unearthed the Terracotta Army”
Discovered accidentally on March 29, 1974 by some farmers during the construction of a water well, the Terracotta Army protects the tomb of Qin Shi Huang Di, first emperor ever to unify China, since 209 BC.
The extraordinary findings, taken not far from the tomb of Emperor Qin on Mount Li, persuaded the Chinese government to launch a campaign of excavations in July 1974, which brought to light 4 large pits, on public display for the first time on October 1, 1979.
The first of these pits is home to about 6,000 infantry soldiers, each of which is made of 6 assembled parts manufactured independently: arms, legs, torso and head, which is different for each of the soldiers.
The second and third pits host cavalry units, officers, slightly higher than the soldiers, chariots and 2 impressive bronze war-chariot, each drawn by four horses. All the statues are life-sized and they were painted in great detail, and many of them wore real weapons and stone armors, some still on display today.
Despite the enormity of this archaeological site, UNESCO World Heritage Site in 1987, the excavations have yet to finish today, and the very Tomb of the Emperor is yet to be found.
Qin Shi Huang Di, king of the state of Qin and later First Emperor, reigned over China from 221 to 210 BC, having triumphed over all other rulers in the final stages of the Warring States Period. Having unified China for the first time in history, he took care to give the kingdom a single currency and shared measurement units, as well as to build a dense network of roads and defensive structures, which included the first section of the Great Wall, and to make the language of the state of Qin the official language.
***
11 luglio 1974, “Dissotterrato l’Esercito di Terracotta”
Rinvenuto casualmente il 29 Marzo 1974 da dei contadini durante la costruzione di un pozzo, l’Esercito di Terracotta protegge la tomba di Qin Shi Huang Di, primo imperatore a riunificare la Cina, sin dal 209 a.C..
Gli straordinari ritrovamenti, prelevati poco lontano dalla Tomba dell’imperatore dei Qin sul monte Li, convinsero il governo cinese a lanciare una campagna di scavi nel luglio del 1974, che portò alla luce 4 vaste aree, esposte al pubblico per la prima volta il 1 Ottobre del 1979.
La prima di queste trincee ospita circa 6000 soldati di fanteria, ognuno dei quali è un assemblaggio di 6 parti fabbricate indipendentemente: le braccia, le gambe, il busto e la testa, diversa per ciascuno dei soldati.
La seconda e la terza trincea ospitano le unità di cavalleria, gli ufficiali, lievemente più alti dei soldati, e i 2 impressionanti carri da guerra in bronzo, tirati ciascuno da 4 cavalli. Tutte le statue dovevano essere dipinte nei minimi dettagli, e molte di esse portavano vere armi da guerra e armature di pietra, alcune in mostra ancora oggi.
Malgrado la straordinarietà di questo sito archeologico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1987, gli scavi devono ancora terminare al giorno d’oggi, e tra i tanti ritrovamenti effettuati è proprio il sepolcro dell’imperatore a mancare all’appello.
Qin Shi Huang Di, re dello stato di Qin e in seguito Primo Imperatore, regnò sulla Cina dal 221 al 210 a.C., dopo aver trionfato su tutti gli altri regnanti nelle fasi finali del periodo degli Stati Combattenti. Oltre ad aver militarmente unificato la Cina per la prima volta nella storia, si occupò di fornire al regno una moneta unica e delle unità di misura condivise, nonché di costruire una fitta rete viaria e difensiva, che comprendeva il primo tratto della Grande Muraglia, e di rendere la lingua dello stato di Qin l’idioma ufficiale.

July 11, 1974, “Unearthed the Terracotta Army”

Discovered accidentally on March 29, 1974 by some farmers during the construction of a water well, the Terracotta Army protects the tomb of Qin Shi Huang Di, first emperor ever to unify China, since 209 BC.

The extraordinary findings, taken not far from the tomb of Emperor Qin on Mount Li, persuaded the Chinese government to launch a campaign of excavations in July 1974, which brought to light 4 large pits, on public display for the first time on October 1, 1979.

The first of these pits is home to about 6,000 infantry soldiers, each of which is made of 6 assembled parts manufactured independently: arms, legs, torso and head, which is different for each of the soldiers.

The second and third pits host cavalry units, officers, slightly higher than the soldiers, chariots and 2 impressive bronze war-chariot, each drawn by four horses. All the statues are life-sized and they were painted in great detail, and many of them wore real weapons and stone armors, some still on display today.

Despite the enormity of this archaeological site, UNESCO World Heritage Site in 1987, the excavations have yet to finish today, and the very Tomb of the Emperor is yet to be found.

Qin Shi Huang Di, king of the state of Qin and later First Emperor, reigned over China from 221 to 210 BC, having triumphed over all other rulers in the final stages of the Warring States Period. Having unified China for the first time in history, he took care to give the kingdom a single currency and shared measurement units, as well as to build a dense network of roads and defensive structures, which included the first section of the Great Wall, and to make the language of the state of Qin the official language.

***

11 luglio 1974, “Dissotterrato l’Esercito di Terracotta”

Rinvenuto casualmente il 29 Marzo 1974 da dei contadini durante la costruzione di un pozzo, l’Esercito di Terracotta protegge la tomba di Qin Shi Huang Di, primo imperatore a riunificare la Cina, sin dal 209 a.C..

Gli straordinari ritrovamenti, prelevati poco lontano dalla Tomba dell’imperatore dei Qin sul monte Li, convinsero il governo cinese a lanciare una campagna di scavi nel luglio del 1974, che portò alla luce 4 vaste aree, esposte al pubblico per la prima volta il 1 Ottobre del 1979.

La prima di queste trincee ospita circa 6000 soldati di fanteria, ognuno dei quali è un assemblaggio di 6 parti fabbricate indipendentemente: le braccia, le gambe, il busto e la testa, diversa per ciascuno dei soldati.

La seconda e la terza trincea ospitano le unità di cavalleria, gli ufficiali, lievemente più alti dei soldati, e i 2 impressionanti carri da guerra in bronzo, tirati ciascuno da 4 cavalli. Tutte le statue dovevano essere dipinte nei minimi dettagli, e molte di esse portavano vere armi da guerra e armature di pietra, alcune in mostra ancora oggi.

Malgrado la straordinarietà di questo sito archeologico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1987, gli scavi devono ancora terminare al giorno d’oggi, e tra i tanti ritrovamenti effettuati è proprio il sepolcro dell’imperatore a mancare all’appello.

Qin Shi Huang Di, re dello stato di Qin e in seguito Primo Imperatore, regnò sulla Cina dal 221 al 210 a.C., dopo aver trionfato su tutti gli altri regnanti nelle fasi finali del periodo degli Stati Combattenti. Oltre ad aver militarmente unificato la Cina per la prima volta nella storia, si occupò di fornire al regno una moneta unica e delle unità di misura condivise, nonché di costruire una fitta rete viaria e difensiva, che comprendeva il primo tratto della Grande Muraglia, e di rendere la lingua dello stato di Qin l’idioma ufficiale.

July 1, 1921, “Foundation of the Communist Party of China”
In 1920, after the launch of Lenin’s Third International, representatives of the Comintern were sent to China to lead the many socialist groups born after the riots of May 1919. The Comintern agent Grigori Voitinsky met with Chen Duxiu and Li Dazhao, and oversaw the establishment of the Socialist youth corps. The First National Congress of the newborn Communist Party of China was held on July 1, 1921 in a girls’ school closed for the summer, within the French concession in Shanghai, to prevent intrusions and threats. It was attended by 13 delegates, representing 57 members throughout China, plus two members of the Comintern.
The founding of the Communist Party of China was officially signed on a boat on South Lake (Nan Hu), a pond near the city of Jiaxing, where the Congress was moved shortly thereafter. Mao Zedong was also attending the First Congress as a delegate of a group of young communists from Hunan.
At first busy dealing with the scarcity of resources and external support, in 1922 the Communist Party of China, under the heavy influence of the Soviet, was pushed to join the Kuomintang, the Chinese Nationalist Party, by Henk Sneevliet, one of the Comintern members present at the time of the founding and known as “Maring”. According to the vision of the Comintern, it would have been easier to transform the Kuomintang from the inside, and it was necessary for the two factions to join forces in order to reunify China.
After the two armies had liberated Shanghai in 1927, the rightist wing of the Kuomintang, led by Chiang Kai-shek, decided to persecute what was now perceived as a threat to internal stability, forcing the fleeing Communist Party to start the Long March, after which the Comintern lost control of the political line and more resolute activists, as Zhu De and Mao Zedong, gained power.
At the end of the Second Sino-Japanese War (1937-1945), the hostility between the Kuomintang and the Communist Party started again, ending with the victory of the latter, now led by Mao Zedong, who founded the People’s Republic of China on October 1, 1949.
The humble beginnings of the Communist Party certainly contribute to magnify the importance that this movement has had on the economic growth of China, which today looks much more modern and launched toward the future than those 13 delegates, hidden in a women’s college, could ever imagine.
***1 Luglio 1921, “Fondazione del Partito Comunista Cinese”
Nel 1920, dopo il lancio della Terza Internazionale di Lenin, rappresentanti del Comintern furono inviati in Cina per guidare i numerosi gruppi socialisti nati dopo i moti del Maggio 1919. Fu l’agente del Comintern Grigori Voitinsky a incontrarsi con Li Dazhao e Chen Duxiu, e a sovrintendere la fondazione di Gruppi Giovanili per il Socialismo (Socialist youth corps). Il primo Congresso nazionale del neonato Partito comunista cinese si tenne il 1 luglio 1921 in una scuola femminile, chiusa per il periodo estivo, all’interno della concessione francese di Shanghai, per evitare intrusioni e minacce. Erano presenti 13 delegati, che rappresentavano 57 iscritti in tutta la Cina, più due membri del Comintern.
L’atto di fondazione ufficiale del Partito Comunista Cinese fu siglato a bordo di una barca sul Lago del Sud (Nan Hu), uno specchio d’acqua vicino alla città di Jiaxing, dove il Congresso era stato spostato poco dopo. Al primo Congresso era presente anche Mao Zedong in qualità di delegato di un gruppo di giovani comunisti dello Hunan.
Impegnato in un primo momento a fronteggiare la scarsità di mezzi e di supporto esterno, nel 1922 il Partito Comunista Cinese, che subiva la pesante influenza di quello Sovietico, fu spinto ad unirsi al Guomindang, il partito nazionalista cinese, da Henk Sneevliet, uno dei membri del Comintern presenti all’atto della fondazione e conosciuto come “Maring”. Secondo la visione del Comintern, sarebbe stato più facile trasformare il Guomindang dall’interno che eguagliarne i successi, e bisognava che le due fazioni si coalizzassero per riunificare la Cina.
Dopo che i due eserciti ebbero liberato Shanghai nel 1927, l’ala destrista del Guomindang, guidata da Chiang Kai-shek, decise di perseguitare quella che ormai era percepita come un’ulteriore minaccia alla stabilità interna, costringendo dopo alcuni anni il Partito Comunista alla Lunga Marcia, al termine della quale il Comintern perse il controllo della linea politica e gli attivisti più risoluti, come Zhu De e Mao Zedong, guadagnarono potere.
Al termine della Seconda Guerra sino-giapponese (1937-1945), le ostilità tra il Guomindang e il Partito Comunista ripresero, fino a concludersi con la vittoria di quest’ultimo, ormai guidato da Mao Zedong, che fondò la Repubblica popolare cinese il 1 Ottobre 1949.

Le umili origini del Partito Comunista contribuiscono certamente a rendere più impressionante l’influenza che questo movimento ha avuto nella crescita economica della Cina, che oggi appare tanto più moderna e lanciata verso il futuro di quanto, forse, si aspettavano quei 13 delegati, riunitisi di nascosto in un collegio femminile.

July 1, 1921, “Foundation of the Communist Party of China”

In 1920, after the launch of Lenin’s Third International, representatives of the Comintern were sent to China to lead the many socialist groups born after the riots of May 1919. The Comintern agent Grigori Voitinsky met with Chen Duxiu and Li Dazhao, and oversaw the establishment of the Socialist youth corps. The First National Congress of the newborn Communist Party of China was held on July 1, 1921 in a girls’ school closed for the summer, within the French concession in Shanghai, to prevent intrusions and threats. It was attended by 13 delegates, representing 57 members throughout China, plus two members of the Comintern.

The founding of the Communist Party of China was officially signed on a boat on South Lake (Nan Hu), a pond near the city of Jiaxing, where the Congress was moved shortly thereafter. Mao Zedong was also attending the First Congress as a delegate of a group of young communists from Hunan.

At first busy dealing with the scarcity of resources and external support, in 1922 the Communist Party of China, under the heavy influence of the Soviet, was pushed to join the Kuomintang, the Chinese Nationalist Party, by Henk Sneevliet, one of the Comintern members present at the time of the founding and known as “Maring”. According to the vision of the Comintern, it would have been easier to transform the Kuomintang from the inside, and it was necessary for the two factions to join forces in order to reunify China.

After the two armies had liberated Shanghai in 1927, the rightist wing of the Kuomintang, led by Chiang Kai-shek, decided to persecute what was now perceived as a threat to internal stability, forcing the fleeing Communist Party to start the Long March, after which the Comintern lost control of the political line and more resolute activists, as Zhu De and Mao Zedong, gained power.

At the end of the Second Sino-Japanese War (1937-1945), the hostility between the Kuomintang and the Communist Party started again, ending with the victory of the latter, now led by Mao Zedong, who founded the People’s Republic of China on October 1, 1949.

The humble beginnings of the Communist Party certainly contribute to magnify the importance that this movement has had on the economic growth of China, which today looks much more modern and launched toward the future than those 13 delegates, hidden in a women’s college, could ever imagine.

***
1 Luglio 1921, “Fondazione del Partito Comunista Cinese”

Nel 1920, dopo il lancio della Terza Internazionale di Lenin, rappresentanti del Comintern furono inviati in Cina per guidare i numerosi gruppi socialisti nati dopo i moti del Maggio 1919. Fu l’agente del Comintern Grigori Voitinsky a incontrarsi con Li Dazhao e Chen Duxiu, e a sovrintendere la fondazione di Gruppi Giovanili per il Socialismo (Socialist youth corps). Il primo Congresso nazionale del neonato Partito comunista cinese si tenne il 1 luglio 1921 in una scuola femminile, chiusa per il periodo estivo, all’interno della concessione francese di Shanghai, per evitare intrusioni e minacce. Erano presenti 13 delegati, che rappresentavano 57 iscritti in tutta la Cina, più due membri del Comintern.

L’atto di fondazione ufficiale del Partito Comunista Cinese fu siglato a bordo di una barca sul Lago del Sud (Nan Hu), uno specchio d’acqua vicino alla città di Jiaxing, dove il Congresso era stato spostato poco dopo. Al primo Congresso era presente anche Mao Zedong in qualità di delegato di un gruppo di giovani comunisti dello Hunan.

Impegnato in un primo momento a fronteggiare la scarsità di mezzi e di supporto esterno, nel 1922 il Partito Comunista Cinese, che subiva la pesante influenza di quello Sovietico, fu spinto ad unirsi al Guomindang, il partito nazionalista cinese, da Henk Sneevliet, uno dei membri del Comintern presenti all’atto della fondazione e conosciuto come “Maring”. Secondo la visione del Comintern, sarebbe stato più facile trasformare il Guomindang dall’interno che eguagliarne i successi, e bisognava che le due fazioni si coalizzassero per riunificare la Cina.

Dopo che i due eserciti ebbero liberato Shanghai nel 1927, l’ala destrista del Guomindang, guidata da Chiang Kai-shek, decise di perseguitare quella che ormai era percepita come un’ulteriore minaccia alla stabilità interna, costringendo dopo alcuni anni il Partito Comunista alla Lunga Marcia, al termine della quale il Comintern perse il controllo della linea politica e gli attivisti più risoluti, come Zhu De e Mao Zedong, guadagnarono potere.

Al termine della Seconda Guerra sino-giapponese (1937-1945), le ostilità tra il Guomindang e il Partito Comunista ripresero, fino a concludersi con la vittoria di quest’ultimo, ormai guidato da Mao Zedong, che fondò la Repubblica popolare cinese il 1 Ottobre 1949.

Le umili origini del Partito Comunista contribuiscono certamente a rendere più impressionante l’influenza che questo movimento ha avuto nella crescita economica della Cina, che oggi appare tanto più moderna e lanciata verso il futuro di quanto, forse, si aspettavano quei 13 delegati, riunitisi di nascosto in un collegio femminile.